Argomenti: Articolo 

A Chieti uno sportello per calmierare gli affitti dei locali commerciali

Confcommercio Chieti porta in provincia il progetto "Affitti Ri-NEGOZIati", lanciato a livello nazionale da FederModa. L'obiettivo è triplice: aiutare i commercianti che non riescono più a pagare gli affitti; andare incontro alle esigenze dei locatori alle prese con morosità anche datate; consentire ai Comuni di riempire i tanti locali vuoti.

Si chiama "Affitti Ri-NEGOZIati" il progetto illustrato il 12 luglio scorso da Confcommercio Chieti all'interno della Sala Cascella della Camera di Commercio. I lavori sono stati introdotti da Marisa Tiberio, presidente provinciale, spalleggiata per l'occasione da Renato Borghi, vicepresidente nazionale di Confcommercio nonché presidente nazionale FederModa, e da Massimo Torti, segretario generale di FederModa Confcommercio. Il progetto ha un triplice obiettivo: aiutare i commercianti che non riescono più a pagare gli affitti, spesso esosi, dei rispettivi negozi; andare incontro alle esigenze dei locatori alle prese con morosità anche datate e, infine, consentire alle città di riempire i tanti locali vuoti con benefici per i Comuni sia in termini di entrate tributarie che di immagine. "Il particolare momento economico dell'Abruzzo e della provincia di Chieti – ha affermato il presidente Tiberio - ci pone di fronte alla triste realtà dei tanti locali commerciali chiusi nelle nostre città. Basti pensare che nel primo trimestre del 2017, dati della Camera di Commercio di Chieti alla mano, sul territorio c'è, tra chiusure e nuove aperture, un saldo negativo di 122 attività commerciali. Un numero davvero importante che, al di là dei tecnicismi relativi ai numerosi negozi chiusi a fine 2016 e per questo conteggiati nel primo scorcio del 2017, merita un'attenta riflessione da parte di tutti." Da qui nasce l'idea di Confcommercio Chieti, che ha riportato in provincia un progetto lanciato a livello nazionale da FederModa Confcommercio, come ricordato dal presidente Borghi e dal segretario generale Torti. "Apriremo nella sede di via Santarelli uno sportello apposito in cui sarà possibile rinegoziare i canoni di locazione - ha annunciato Tiberio - abbassandoli notevolmente." Il meccanismo del progetto "Affitti Ri-NEGOZiati" è semplice: il locatore che accetterà la richiesta avanzata dal commerciante di abbassare il contratto di affitto stipulato di almeno il 20%, rinegoziandolo, otterrà il pagamento anticipato di 24 mensilità. Come? Il presidente Tiberio ha spiegato: "grazie ad un accordo di partenariato stretto dalla nostra Cooperativa di garanzia con la Nuova CariChieti, il commerciante che vorrà rinegoziare il proprio affitto scontato potrà beneficiare di un prestito a tassi agevolatissimi. In questo modo verranno corrisposte al locatore le 24 mensalità anticipate e, nel caso, saldate le eventuali morosità cumulate." Anche i Comuni dovranno fare la loro parte nell'ambito del progetto "Affitti Ri-NEGOZIati" targato Confcommercio. Il Comune di Chieti fungerà da apripista grazie alla sottoscrizione di un protocollo d'intesa siglato simbolicamente con Confcommercio che, a stretto giro, estenderà l'iniziativa in tutti i 104 Comuni della provincia di Chieti. "L'amministrazione comunale teatina, a partire dall'annualità 2018, applicherà il 10% di sconto sull'imposta Imu- ha concluso Tiberio - ai titolari di locali commerciali della città che sconteranno gli affitti pagati dai commercianti. In questo modo il nostro progetto sosterrà il piccolo commercio e combatterà la desertificazione dei centri cittadini".