Confcommercio su inflazione: ridimensionamento prevedibile

118/17
Roma, 31 luglio 2017

 

Era ampiamente atteso l'ulteriore ridimensionamento dell'inflazione in luglio in ragione del rientro delle tensioni sugli alimentari non lavorati e sull'area energetica che avevano portato la variazione dei prezzi quasi al 2% nei primi mesi dell'anno. Questo processo spiega la convergenza dell'inflazione complessiva e della componente di fondo, entrambe attorno all'1%. E' il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio al dato Istat di oggi.

Queste dinamiche,  seppure in linea con la sostanziale stabilità che si registra nel complesso della UE, marcano - sottolinea la nota -  uno scarto inflazionistico tra l'Italia e Germania pari a circa mezzo punto percentuale a nostro sfavore, testimonianza che una frazione non indifferente della moderazione inflazionistica in Italia è dovuta a una certa debolezza dei consumi, prevalentemente semidurevoli e non durevoli.

31 luglio 2017