Confcommercio su fiducia: calo fisiologico, ma non di buon auspicio per prossimi mesi

168/17
Roma, 27.11.2017

 

 

Dopo alcuni mesi di recupero, il ridimensionamento registrato dal clima di fiducia delle famiglie presenta connotati fisiologici e non deve destare preoccupazione. Tuttavia, i consumi non mostrano ancora un'accelerazione apprezzabile in un contesto di reddito disponibile poco dinamico,e questo rappresenta un elemento di criticità che continua a caratterizzare un quadro congiunturale positivamente orientato e che si è tradotto puntualmente in una riduzione della fiducia delle imprese del commercio al dettaglio: questo il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio ai dati sulla fiducia di famiglie e imprese diffusi oggi dall'Istat.

Le famiglie – prosegue Confcommercio - sembrano avvertire la possibilità di un'attenuazione della ripresa nei prossimi mesi con effetti negativi sull'occupazione e sul reddito, fattore che non è certo di buon auspicio per i prossimi mesi.

27 novembre 2017