Confcommercio Firenze: "Tutelare l'immagine della città senza uniformare la ristorazione"

Secondo una delibera del Comune, possono aprire nuovi ristoranti nell'area Unesco solo se vendono il 70% dei prodotti toscani. Confcommercio ritiene che il nuovo regolamento sia esageratamente restrittivo.

In seguito alla delibera del Comune di Firenze, secondo la quale  possono aprire nuovi ristoranti nell'area Unesco solo se vendono il 70% dei prodotti toscani, Confcommercio Firenze, pur condividendo con il Comune la necessità di tutelare l'immagine della nostra città e di promuovere la qualità e la tipicità del territorio, non può dirsi pienamente soddisfatta dal nuovo regolamento, esageratamente restrittivo. Il provvedimento, infatti, seppur prenda vita da obiettivi condivisi quali la ricerca della qualità a discapito delle attività di basso livello della ristorazione, rischia peraltro di non risolvere il problema, ma anzi di restringere il campo d'azione alla somministrazione di qualità senza ottenere, di fatto, i risultati sperati. Limitare la provenienza dei prodotti, approvando esclusivamente quelli del nostro territorio, è una scelta che da sola non determina certezza nella qualità. Non si ha, infatti, nessuna garanzia rispetto al fatto che la filiera corta immetta sul mercato solo materie prime di livello. Oltre a ciò, visto il numero di imprese presenti nel comune di Firenze, nel tempo le aziende di produzione toscane potrebbero non essere in grado di far fronte alle richieste delle imprese di somministrazione che necessitano di quantitativi elevati per far fronte alla domanda. Firenze è una città capace di attrarre visitatori da tutto il mondo non è pensabile poter proporre una cucina omologata e limitata alle sole ricette del territorio, preservare la diversificazione dell'offerta è fondamentale. "Somministrare prodotti di qualità è un obiettivo comune, ma non possiamo rischiare di farlo in questo modo, altrimenti  tra dieci anni ci ritroveremo con una cucina conformata. Dal punto di vista quantitativo, nel tempo, non basterebbero nemmeno le aziende presenti sul territorio per soddisfare le richieste" commenta Andrea Angelini, VicePresidente di Confcommercio Firenze. Lavorare sulla qualità della somministrazione non significa prendere in considerazione esclusivamente il prodotto e la materia prima, migliorare in questo settore significa prendere in considerazione e fare provvedimenti su  più elementi, dalla gestione dell'accoglienza a quella degli spazi per esempio. Siamo, comunque, disponibili insieme alle altre associazioni a partecipare ad una conferenza di servizi per un regolamento che qualifichi in area Unesco i servizi ristorativi. Rinnoviamo inoltre all'amministrazione un invito all'aiuto ai giovani che volessero aprire una bottega di altri tempi nel centro storico, botteghe ormai quasi scomparse che insieme alle grandi opere d'arte fiorentine hanno contribuito alla notorietà della città."

16 marzo 2016