Argomenti: Articolo 

Confcommercio su Pil: "Dato in parte inatteso"

La frenata registrata dal Pil nel quarto trimestre del 2015, seppure coerente con quanto rilevato sul versante della produzione industriale negli ultimi mesi dello scorso anno, è un dato in parte inatteso, in considerazione delle dinamiche, anche qualitative, registrate da altri indicatori. Di conseguenza, non si può escludere una revisione al rialzo delle attuali stime quando saranno disponibili nuove informazioni relative ai servizi di mercato. E' il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio alle rilevazioni sul Pil diffuse dall'Istat. Nonostante il rallentamento del Pil – da +0,4% del primo quarto a +0,1% nell'ultimo trimestre dello scorso anno - e pure considerando il contenuto trascinamento per il 2016, una crescita significativa nell'anno in corso è un obiettivo possibile anche se non agevole. Ipotizziamo – conclude la nota -  che la stabilizzazione su livelli storicamente elevati dei climi di fiducia di famiglie e imprese, la moderata ripresa dell'occupazione e il crescente reddito disponibile delle famiglie, anche in virtù del profilo accomodante della politica fiscale, possano spingere l'attività produttiva a crescere nel 2016 a un tasso prossimo o superiore all'1,5%.

12 febbraio 2016
pil