Giornata del fascino delle piante, Assosementi in prima fila

L'Associazione sottolinea che dal 2000 a oggi la ricerca vegetale ha evitato la perdita di biodiversità per un'area stimata di 19 milioni di ettari e contribuito al risparmio idrico. Giornata mondiale della biodiversità, siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione verde.

Per la tutela della biodiversità e la sostenibilità ambientale l'Europa deve investire con decisione nella ricerca, all'insegna di varietà sempre più produttive e con un elevato grado di innovazione, come ad esempio la tolleranza alla siccità, consentendo al tempo stesso di rinnovare il patrimonio esistente. A sottolinearlo è Assosementi, l'Associazione che rappresenta le ditte sementiere italiane, in occasione della Giornata Mondiale del Fascino delle Piante promossa da European Plant Science Organisation (EPSO) e che si celebra oggi in tutto il mondo. Secondo il rapporto "The economic, social and environmental value of plant breeeding in the European Union" diffuso dalla piattaforma tecnologica europea "Plants for the future", grazie alla ricerca vegetale dal 2000 a oggi l'Unione Europea è riuscita a raggiungere risultati ragguardevoli come l'aver scongiurato la conversione di habitat naturali in superfici agricole per un'area stimata di 19 milioni di ettari. Trasformare 19 milioni di ettari di foreste, aree umide e altri habitat in campi coltivati avrebbe significato rilasciare 3,4 miliardi di tonnellate di CO2, vale a dire la stessa quantità di gas serra emessa ogni anno dal traffico veicolare in Germania o le emissioni annuali di un paese come l'Olanda. Inoltre, negli ultimi quindici anni la ricerca vegetale ha consentito di risparmiare circa 55 miliardi di m3 d'acqua: un volume sufficiente a riempire 22 milioni di piscine olimpioniche. Nell'epoca del cambiamento climatico, il risparmio idrico, così come la conservazione della biodiversità e l'uso efficiente del suolo sono tra i principali obiettivi dello sviluppo sostenibile, al centro delle politiche dell'UE e dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite, nonché un'eredità preziosa da lasciare alle generazioni future. Giunta alla quarta edizione, la "Giornata del fascino delle piante" ha lo scopo di affascinare con le piante il maggior numero possibile di persone in tutto il mondo ed entusiasmarle sul ruolo per l'agricoltura e la produzione sostenibile di alimenti salubri e nutrienti, ma anche per la silvicoltura e per tutti i prodotti non alimentari che provengono dalle piante, come carta, legno, composti chimici, biomasse e farmaci. Per celebrare questa ricorrenza ESA – European Seed Association, l'associazione delle aziende sementiere europee, ha lanciato una campagna sui social media attraverso le piattaforme di Thunderclap e di Storify al fine di dare risalto all'importante contributo del settore sementiero al progresso della ricerca vegetale. Cliccando qui è possibile accedere alla pagina della campagna Thunderclap "Get fashinated by plants", online fino a oggi.

 

Giornata mondiale della biodiversità, siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione verde

 

La biodiversità è un'eredità per le generazioni future, perché rappresenta una inesauribile base genetica per la ricerca vegetale per costituire varietà migliori in termini di qualità e vincere le sfide della sicurezza alimentare e dei cambiamenti climatici. Questa la sintesi della campagna che Assosementi lancia in occasione della Giornata mondiale della biodiversità, indetta per il 22 maggio dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite per celebrare l'adozione della Convenzione sulla Diversità Biologica. Il messaggio del settore sementiero è stato affidato a un video dal titolo "Biodiversità, un'eredità per il futuro". "Le aziende sementiere hanno una grande responsabilità in questa fase storica, ha dichiarato Giuseppe Carli, presidente di Assosementi. Quale primo anello della filiera agroalimentare, stiamo concentrando i nostri investimenti sulla ricerca di caratteri innovativi per sviluppare piante più resistenti alle malattie e ai parassiti emergenti, tolleranti alla siccità e con un valore nutritivo superiore. Per realizzare questo obiettivo la biodiversità del pianeta è una risorsa imprescindibile. È fondamentale – ha aggiunto Carli – che questo patrimonio resti accessibile a tutti ed è questo che abbiamo voluto trasmettere attraverso il video". "Secondo lo studio « The State of the World's Plants 2017» pubblicato dai Royal Botanic Gardens di Kew soltanto nell'ultimo anno sono state individuate altre 1.700 specie vegetali sinora sconosciute. Il nostro pianeta può contare su un patrimonio di oltre 390.000 specie. Maggiore sarà la diversità a cui si potrà attingere e migliori saranno i risultati che l'innovazione varietale potrà fornire" ha concluso Carli. Il video "Biodiversità, un'eredità per il futuro" è disponibile al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=ap_DMPaNNHI

18 maggio 2017