Argomenti: Articolo 

Rallenta l'inflazione

A novembre l'indice dei prezzi al consumo è sceso dello 0,2% rispetto a ottobre mentre è aumentato dello 0,9% su novembre 2016. L'Inflazione di fondo, al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, scende allo 0,4% dallo 0,5% di ottobre.

A novembre l'indice dei prezzi al consumo è diminuito dello 0,2% rispetto a ottobre mentre è aumentato dello 0,9% su novembre 2016 (era +1% a ottobre). Lo rileva l'Istat spiegando che l'Inflazione di fondo, al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, scende di un decimo di punto percentuale (+0,4% da +0,5% di ottobre). L'Inflazione acquisita per il 2017 è pari a +1,2% per l'indice generale e +0,6% per la componente di fondo. L'ulteriore lieve frenata dell'inflazione (per il terzo mese consecutivo) si deve per lo più al rallentamento, dal lato dei beni, della crescita dei prezzi degli Alimentari non lavorati (+3,2% da +3,8% di ottobre) e, dal lato dei servizi, dei prezzi dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,9% da +1,4%), mitigato dall'accelerazione dei prezzi degli Energetici non regolamentati (+5,0% da +4,3% del mese precedente). Pertanto, l'"inflazione di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, scende di un decimo di punto percentuale (+0,4% da +0,5% di ottobre) come quella al netto dei soli Beni energetici, che si attesta a +0,6% (da +0,7%). La diminuzione su base mensile dell'indice generale e' dovuta prevalentemente al calo, influenzato da fattori stagionali, dei prezzi dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (-1,4%) e dei Servizi relativi ai trasporti (-1,0%), solo in parte bilanciato dall'incremento dei prezzi dei Beni energetici non regolamenti (+1,3%), spinti dal rialzo di quelli di carburanti e gasolio. Su base annua la crescita dei prezzi dei beni accelera, seppur lievemente, e si attesta a +1,3% (da +1,2% di ottobre) mentre rallenta quella dei servizi (+0,5% da +0,7%). Il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si conferma quindi negativo e pari a -0,8 punti percentuali (era -0,5 a ottobre). I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dello 0,2% su base mensile e dell'1,5% su base annua (da +1,7% di ottobre). 

 

Ue-19: a novembre  inflazione  a +1,5% annuo

L'inflazione su base annuale nell'Eurozona a novembre dovrebbe salire all'1,5%, dall'1,4% registrato a ottobre. E' la prima stima flash di Eurostat. L'istituto statistico europeo indica che tra le diverse componenti, l'energia sale al tasso del +4,7% (rispetto al +3,0% di ottobre), mentre cibo, alcol e tabacco scendono al +2,2% (dal +2,3% di ottobre), con i servizi stabili a +1,2% dei beni industriali al +0,4%. 

30 novembre 2017