Argomenti: Articolo 

Per il Pil crescita sotto le attese

La crescita registrata dall'Istat per il quarto trimestre 2015 (+0,1%) risulta inferiore rispetto alle stime dello stesso istituto di statistica e dei principali analisti. L'ultima previsione dell'istituto, contenuta nella nota mensile uscita a inizio dicembre era di +0,2%. Il 2015 si chiuderà con una crescita annua del Pil pari allo 0,7%.

La crescita registrata dall'Istat per il quarto trimestre 2015 (+0,1%) risulta inferiore rispetto alle stime dello stesso istituto di statistica e dei principali analisti. L'ultima stima dell'istituto, contenuta nella nota mensile uscita a inizio dicembre era di +0,2% con un intervallo di confidenza compreso tra 0 e 0,4%. Il 2015 si chiudera' con una crescita annua del Pil pari allo 0,7% (calcolata su dati trimestrali grezzi). E' quanto rileva l' Istat che diffonde la stima preliminare. Il governo prevede per il 2015 una crescita dello 0,9%. Lo scorso anno il Pil corretto per gli effetti di calendario e' aumentato, invece, dello 0,6%. Il 2015, spiega l'Istat, ha avuto tre giornate lavorative in piu' rispetto al 2014 e la variazione annua del Pil calcolata sui dati trimestrali grezzi e' quindi pari a +0,7%. La variazione congiunturale e' la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell' industria e di aumenti in quelli dell'agricoltura e dei servizi. Dal lato della domanda, vi e' un contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte), piu' che compensato dall' apporto positivo della componente estera netta.

12 febbraio 2016
pil