Argomenti:

Renzi vara il rimpasto, Costa diventa ministro

Sarà Enrico Costa il nuovo ministro degli Affari regionali. A un anno dalle dimissioni di Maria Carmela Lanzetta, Matteo Renzi completa oggi la squadra di governo con la proposta al presidente della Repubblica della nomina a ministro del deputato di Ncd. Il giuramento dovrebbe avvenire già in serata. Poi a Palazzo Chigi giureranno otto segretari e tre viceministri, che andranno a riempire le caselle al momento vacanti. Un mini-rimpasto, atteso da mesi, che fa esultare Ncd: non solo gli alfaniani "recuperano" un ministro (si erano ridotti a due dopo il passo indietro di Maurizio Lupi), ma conquistano con Costa la delega alla famiglia e quattro nuovi sottosegretari. Anche Scelta civica viene 'promossa', con il passaggio di Enrico Zanetti da sottosegretario a viceministro. E il Pd vede esordire due nuovi sottosegretari: Enzo Amendola e Gennaro Migliore.  Gli alfaniani saranno rappresentati nel governo anche da Federica Chiavaroli (sottosegretario alla Giustizia), Dorina Bianchi e Antimo Cesaro (sottosegretari alla Cultura), Simona Vicari (da sottosegretario trasloca dallo Sviluppo ai Trasporti) e Antonio Gentile, che si dimise da sottosegretario per un'inchiesta che riguardava il figlio e va ora allo Sviluppo economico. Promozione anche per Mario Giro, che da sottosegretario diventerà viceministro agli Esteri e dovrebbe prendere le deleghe alla cooperazione. Il professor Tommaso Nannicini, che guida il team di consulenti economici di Renzi, diventa sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Mentre in casa Pd Teresa Bellanova, viene promossa da sottosegretario al Lavoro a viceministro allo Sviluppo. 

29 gennaio 2016