Argomenti: Articolo 

Vendite al dettaglio in frenata

A luglio diminuzione, rispetto al mese precedente, dello 0,2% sia in valore sia in volume. Rispetto a luglio 2016 le vendite al dettaglio restano stazionarie in valore e diminuiscono dello 0,4% in volume.

Le vendite al dettaglio a luglio segnano una battuta d'arresto, dopo il balzo del mese precedente. Lo rileva l'Istat, registrando un calo dello 0,2% sia in valore sia in volume rispetto a giugno. Su base annua le vendite restano stazionarie in valore mentre scendono dello 0,4% in volume. Se si guarda al dato in valore, considerando quindi anche l'andamento dei prezzi, almeno l'alimentare tiene. Guardando solo alle quantità la contrazione risulta generalizzata (anzi su base annua a fare peggio è l'alimentare). Per i prodotti alimentari si rileva una crescita dello 0,2% in valore e una flessione dello 0,7% in volume. Le vendite di prodotti non alimentari registrano diminuzioni dello 0,1% in valore e dello 0,2% in volume. Sempre su base annua, le vendite al dettaglio registrano un aumento dello 0,3% nella grande distribuzione e una diminuzione dello 0,2% nelle imprese operanti su piccole superfici. Nella media del trimestre maggio-luglio 2017, l'indice complessivo del valore delle vendite al dettaglio registra una variazione nulla rispetto al trimestre precedente. Nello stesso periodo, per le vendite di beni alimentari si rileva una diminuzione dello 0,1% in valore e un aumento dello 0,3% in volume; per quelle di beni non alimentari un aumento dello 0,1% in valore e una variazione nulla in volume.

06 settembre 2017