Argomenti: Articolo 

"100 statistiche per capire il Paese": in salita la spesa media mensile, ma sotto i livelli del 2011

Nel 2017 crescono in Italia sia l'incidenza di povertà assoluta (6,9% delle famiglie residenti) sia quella relativa (12,3% delle famiglie). Si conferma il forte svantaggio del Mezzogiorno, con il 10,3% delle famiglie in povertà assoluta  e quasi un quarto in povertà relativa. E' quanto emerge dall'edizione 2019 di 'Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo' realizzato dall'Istat. Sicilia e Lazio sono le regioni dove la diseguaglianza, misurata in termini di concentrazione del reddito, è più elevata mentre nelle regioni del Nord-est prevale una maggiore uniformità. Nel confronto con i Paesi dell'Ue, l'Italia presenta un valore più alto di quello medio europeo (0,307). Nel 2017 in Italia si riduce in misura decisa la quota di persone che vivono in famiglie gravemente deprivate (10,1%, due punti percentuali in meno rispetto al 2016). Le incidenze più elevate si registrano in Sicilia e Campania (oltre un milione di individui). Il nostro Paese supera di 3,5 punti percentuali la media europea, confermandosi al nono posto tra i Paesi con i valori più elevati. Anche se in crescita per il quarto anno consecutivo, la spesa media mensile delle famiglie residenti in Italia -  circa 2.500 euro mensili correnti  - rimane nel 2017 sotto il livello del 2011. Nel Centro-nord si spendono mediamente 765 euro in più al mese rispetto al Mezzogiorno. Inoltre, nel 2018 aumentano le persone soddisfatte per la propria situazione economica. I livelli più alti sono nel Centro-nord (quasi il 60%), quelli più bassi nel Mezzogiorno (poco più del 40%).

11 aprile 2019