Confcommercio Bergamo: dall'Assemblea Generale idee per "ripartire" - Asset Display Page

Confcommercio Bergamo: dall'Assemblea Generale idee per "ripartire"

Le analisi del presidente Giovanni Zambonelli, di Pierluigi Ascani, presidente di Format Research, e di Stefano Paleari, professore ordinario di Analisi dei Sistemi finanziari dell'Università di Bergamo, hanno tracciato il quadro della situazione fornendo spunti di riflessione per gli imprenditori

DateFormat

29 settembre 2020

“Re-interpretare per Re-intraprendere. Da dove ripartire?”. È questo il tema dell'assemblea generale 2020 di Confcommercio Bergamo, dedicata alle sfide e alle difficoltà che gli imprenditori del commercio, del turismo e dei servizi sono chiamati ad affrontare in un contesto economico profondamente cambiato dall'epidemia.

Attraverso gli interventi e le analisi del presidente Giovanni Zambonelli, di Pierluigi Ascani, presidente di Format Research, e di Stefano Paleari, professore ordinario di Analisi dei Sistemi finanziari dell'Università degli Studi di Bergamo, si traccia il quadro della situazione socio economica attuale, fornendo alcuni spunti di riflessione per gli imprenditori. I dati che raccontano il cambiamento e l'impatto della pandemia, evidenziati dalla ricerca presentata dal presidente di Format, e l'analisi di scenario del professor Paleari, autore de “La guerra non dichiarata”, intendono fare il punto sul quadro attuale, che impone cambi di azione e strategia per le imprese. Sono necessarie azione e visione anche e soprattutto da parte della politica:
“La stagione dei contributi a fondo perduto è terminata e deve lasciare il campo a politiche strutturali e di sostegno alla ripartenza e ripresa, con impegni di medio e lungo termine- sottolinea il presidente Giovanni Zambonelli-. Bisogna avviare una seria riforma, dal contenimento della spesa pubblica alla riduzione della pressione fiscale. Sul fronte fiscale non possiamo dimenticare la partita che l'Unione Europea deve combattere per il riequilibro tra commercio elettronico e tradizionale”. L'Italia è tra i Paesi più penalizzati nel costo del lavoro e nel reddito disponibile dei lavoratori: “Non è pensabile in un sistema globale come quello attuale che l'Italia sia il Paese che preleva maggiormente dai redditi, lasciando le briciole ai lavoratori” ha aggiunto il presidente dell'associazione orobica che non ha nascosto il timore della tenuta occupazionale: “L'utilizzo degli ammortizzatori non risponde alle esigenze di ripartenza delle pmi. Nei prossimi mesi potremmo trovarci con una fuoriuscita mai vista di lavoratori nei settori più colpiti e un sistema di aiuto insufficiente. Bisogna rimettere mano in fretta alle misure di sostegno al reddito”.
Il professore Stefano Paleari ha presentato i risultati del suo studio sulla recessione italiana, che non esita a definire una “guerra non dichiarata” che dal 2008 ad oggi, con l'ulteriore colpo dell'epidemia, ha lasciato dietro sé vere e proprie macerie economiche (dallo spaventoso debito pubblico al deficit di infrastrutture) e, sul piano immateriale, ha portato a ferite nello spirito, a partire dalla crescente diseguaglianza sociale, a scapito in particolare di giovani e donne.

I dati della ricerca presentati in assemblea dal presidente Format Research Pierluigi Ascani hanno mostrato come la crisi da Covid-19 frena la crescita produttiva in Italia: il Pil segna il -12,8% rispetto al primo trimestre dell'anno, il -17,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. La frenata del Pil è strettamente correlata al crollo dei consumi, con – 13,7% nel secondo trimestre 2020 (rispetto allo stesso periodo del 2019). La variazione congiunturale nel secondo trimestre 2020 rispetto ai primi tre mesi dell'anno segna il -8,7%.

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca