Assintel: "occorre liquidità pura, a fondo perduto" - Asset Display Page

Assintel: "occorre liquidità pura, a fondo perduto"

DateFormat

15 aprile 2020

"Iniettare liquidità" prevedendo  esclusivamente la via del credito è una soluzione parziale:  occorre liquidità "pura", in forma di contributi a fondo perduto  e sospensione delle tasse. Anche Assintel, l'associazione  nazionale delle imprese ICT e Digitali di Confcommercio, lancia  l'appello che già altri settori hanno rivolto al Governo."Il Governo - scrive l'Associazione - deve rassicurare le imprese in  merito sospendendo tasse e contributi per tutto il 2020 e  posticipandoli al 2021, con sistemi di rateizzazione di almeno 3  anni, per consentire loro di coprire i costi del personale, non  licenziare e fare investimenti per ripartire. Le imprese  dell'Ict chiedono inoltre di "velocizzare i tempi di concessione  del credito; aumentare da 6 ad almeno 10 anni i tempi di  rimborso del prestito; annullare il tasso di interesse".

E  sostenere le pmi: "su 200 miliardi solo 30 sono destinati loro:  la quota va aumentata almeno a 80 miliardi" e "occorre  introdurre un Fondo nazionale che eroghi contributi a fondo  perduto a quelle medie e piccole imprese che vorranno investire  nella riprogettazione dei propri modelli di business grazie al  supporto della tecnologia". Infine "non comprendiamo come nella  Task Force costituita dal Governo per la progettazione della  Fase 2 non sia stato coinvolto il Mondo Imprenditoriale, né  tantomeno quella maggioranza silenziosa costituita dalle micro e  piccole imprese", commenta Paola Generali, presidente Assintel. "Oggi non possiamo permetterci un ulteriore scollamento della  politica dal tessuto economico, siamo sul crinale e ogni passo  falso rischia di far scivolare interi pezzi di Paese nel  baratro".    

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca