Auto: mercato europeo ancora in calo a dicembre

A dicembre 2018 le immatricolazioni di nuove auto in Europa (Ue più i Paesi Efta) si sono attestate a 1.038.984, con un calo dell'8,7% rispetto allo stesso mese del 2017.

Con la brusca frenata di dicembre - per il quarto mese consecutivo - il mercato automobilistico Ue chiude sostanzialmente in pari il 2018. I dati diffusi da Acea, l'associazione dei costruttori europei, mostrano infatti come nell'ultimo mese del 2018, le registrazioni sono diminuite dell'8,4%, proseguendo la tendenza al ribasso iniziata con l'introduzione a settembre della nuova normativa antinquinamento WLTP. Ad eccezione dell'Italia (+2,0%), tutti i principali mercati dell'Ue hanno registrato un calo della domanda. Nel complesso, nel 2018, le immatricolazioni nell'Ue sono rimaste più o meno stabili rispetto all'anno precedente. A causa del calo della
domanda nell'ultimo quadrimestre del 2018, la crescita per l'intero anno è stata pari a +0,1%. Nonostante si tratti di un aumento molto
modesto, il dato permette di segnare il quinto anno consecutivo di crescita per il mercato europeo, con 15,2 milioni di automobili
immatricolate nell'Unione europea. La domanda è stata trainata soprattutto dai paesi dell'Europa centrale, dove le immatricolazioni di nuove auto sono cresciute dell'8,0% nel 2018. I risultati sono stati diversi tra i cinque principali mercati dell'Ue, con Spagna (+7,0%) e Francia (+3,0%) in crescita, mentre hanno registrato una flessione Germania (-0,2), Italia (-3,1%) e Regno Unito (-6,8%). In dettaglio, il gruppo Volkswagen mantiene la prima posizione con 3.611.948 veicoli immatricolati nel 2018 (+0,9% e una quota di mercato del 23,1%) ma con un -8,7% a dicembre per 231.011 unità. Alle sue spalle per l'intero anno, il gruppo Psa (2,46 milioni di veicoli e una quota del 15,3%) e Renault con 1,61 milioni di veicoli e una quota dell'11,8%). In calo i marchi premium, -12,2% Audi, -1,4% Bmw e -2,2% Mercedes.

16 gennaio 2019