Confcommercio su prezzi: rischio deflazione ancora presente

Continua la crisi della domanda interna

Confcommercio su prezzi: rischio deflazione ancora presente

DateFormat

7 gennaio 2015
1/2015

 

01/15
Roma, 7.01.2015

 

 

 

In linea con le previsioni, dicembre si è confermato un mese freddo per i prezzi. Nella media dell'anno i prezzi al consumo sono variati solo dello 0,2%, il valore più basso degli ultimi 55 anni. L'anno che si è appena concluso lascia un'eredità negativa al 2015 (il trascinamento è del -0,2%), facendo presagire anche nei prossimi mesi un'inflazione vicina allo zero. Questo il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio ai dati sull'inflazione diffusi oggi dall'Istat.

Al di là di alcuni elementi che hanno favorito questa situazione (negli ultimi sei mesi il prezzo del petrolio è calato di circa il 40% e le condizioni meteo hanno determinato una bassa dinamica dei prezzi degli alimentari freschi) a mantenere sostanzialmente fermi i prezzi negli ultimi due anni – conclude la nota - è stata essenzialmente la perdurante crisi della domanda. Il rischio di una deflazione è, pertanto, ancora presente.

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca