Confcommercio: al via i saldi estivi, 100 euro la spesa media pro capite

Confcommercio: al via i saldi estivi, 100 euro la spesa media pro capite

DateFormat

3 luglio 2015
114/2015

Dopo Campania e Basilicata dove sono iniziati il 2 luglio, da domani i saldi estivi partiranno anche nelle altre regioni. Secondo le stime dell'Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà in media per l'acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo circa 230 euro per un valore complessivo intorno ai 3,6 miliardi di euro. Le vendite estive rappresentano sempre un momento di richiamo per le famiglie, anche se negli ultimi anni la quota destinata a questo tipo di acquisto si è ridotta costantemente in linea con le esigenze di un bilancio familiare condizionato da un calo del reddito disponibile.

VALORE DEI SALDI ESTIVI PER L'ABBIGLIAMENTO
E LE CALZATURE

 

 

2014

2015

Valore dei saldi estivi (miliardi di euro)

3,5

3,6

Incidenza (%) dei saldi estivi sulle vendite totali  dell'anno

12,0

12,0

Numero famiglie italiane (milioni)

25,81

25,81

Numero famiglie che acquista in saldo (milioni)

16,0

15,49

Acquisto medio a famiglia per saldi estivi (euro)

222

229

Numero medio dei componenti di una famiglia

2,34

2,34

Acquisto medio per persona (euro)

95

98

Elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio

 

 

 

"Dopo l'ingorgo fiscale di giugno - afferma Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia e vicepresidente di Confcommercio - è finalmente stagione di saldi. Secondo le nostre stime, i consumatori italiani tenderanno sostanzialmente a confermare i budget dell'anno scorso, anche se con piccoli assestamenti al rialzo. Speriamo, però, che ai maggiori ordinativi effettuati da molti nostri operatori, soprattutto nelle città più turistiche in previsione dell'Esposizione Universale, possano corrispondere maggiori acquisti da parte della clientela straniera, amante del bello e del made in Italy, che – auspichiamo – raggiungerà l'Italia anche per vivere l'EXPO. I saldi – continua Borghi – continuano ad intercettare l'attenzione dei consumatori italiani e stranieri. E rappresentano un banco di prova anche per gli operatori commerciali che arrivano a questo appuntamento sfiancati da sette anni di contrazioni di fatturati e da marginalità sempre più risicate. Per favorire la migliore relazione con i turisti, Federazione Moda Italia–Confcommercio ha realizzato e messo a disposizione delle aziende lo Slang della Moda – www.slangdellamoda.it, un dizionario in formato cartaceo e on line con la traduzione in italiano, francese, inglese, russo e cinese dei termini tipici della moda".

Per il corretto acquisto degli articoli in saldo, Confcommercio ricorda alcuni principi di base:

1. Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l'obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

2. Prova dei capi: non c'è obbligo. E' rimesso alla discrezionalità del negoziante.

3. Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante qualora sia esposto nel punto vendita l'adesivo che attesta la relativa convenzione.

4. Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.

5. Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

Confcommercio segnala, inoltre, le varie iniziative promosse sull'intero territorio nazionale da Federazione Moda Italia, come "Saldi Chiari", "Saldi Trasparenti", "Saldi Tranquilli".

CALENDARIO SALDI ESTIVI 2015

REGIONI

PERIODO SALDI

CAPOLUOGHI

ABRUZZO

04.07.2015-01.09.2015

L'Aquila

BASILICATA

02-07.2015-02.09.2015

Potenza

CALABRIA

04.07.2015 - 31.08.2015

Catanzaro

CAMPANIA

02.07.2014 per 60 gg.

Napoli

EMILIA ROMAGNA

04.07.2015-01.09.2015

Bologna

FRIULI VENEZIA GIULIA

04.07.2015-30.09.2015

Trieste

LAZIO

04.07.2015 -14.08.2015

Roma

LIGURIA

04.07.2015 per 45 gg.

Genova

LOMBARDIA

04.07.2015 per 60 gg.

Milano

MARCHE

04.07.2015-01.09.2015

Ancona

MOLISE

04.07.2015 per 60 gg.

Campobasso

PIEMONTE

04.07.2015 per 8 sett.

Torino

PUGLIA

04.07.2015-15.09.2015

Bari

SARDEGNA

04.07.2015 per 60 gg.

Cagliari

SICILIA

04.07.2015-15.09.2015

Palermo

TOSCANA

04.07.2015-02.09.2015

Firenze

UMBRIA

04.07.2015  per 60 gg.

Perugia

VALLE D'AOSTA

04.07.2015-30.09.2015

Aosta

VENETO

04.07.2015-31.08.2015

Venezia

BOLZANO E PROVINCIA

04.07.2015-15.08.2015

Bolzano

TRENTO E PROVINCIA

I commercianti determinano liberamente i periodi in cui effettuare i saldi

Trento

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca