Confcommercio su inflazione: peggiore delle attese - Asset Display Page

Si conferma fragilità della domanda nella filiera del turismo

Confcommercio su inflazione: peggiore delle attese

DateFormat

30 settembre 2020
150/2020

Il dato di settembre è peggiore delle attese (-0,6% congiunturale contro una stima di -0,2%) e l’errore è quasi interamente dovuto alle diminuzioni dei prezzi osservate negli ambiti della ricettività e della ristorazione che di solito in settembre mostrano leggeri incrementi. Questo è un pessimo segnale che conferma la perdurante fragilità della domanda nella filiera del turismo. È il commento dell’Ufficio Studi Confcommercio ai dati sull'inflazione a settembre diffusi oggi dall'Istat.

La pressione ribassista della deflazione – continua la nota - comincia a leggersi anche nell'andamento della componente di fondo che si avvicina pericolosamente allo zero. Il ritorno a quotazioni delle materie prime energetiche meno depresse, all'origine dei sensibili aumenti decisi per il prezzo dell’energia e del gas da ottobre, potrebbe contenere la tendenza deflazionistica. Nel confronto annuo la variazione dei prezzi di gas ed elettricità resterebbe comunque negativa.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca