Confcommercio su occupati e disoccupati: Segnali di vitalità ma crisi resta grave - Asset Display Page

Le prospettive di ripresa restano difficili. Occorrono rapidità, efficacia ed efficienza nei processi di investimento delle risorse europee

Confcommercio su occupati e disoccupati: Segnali di vitalità ma crisi resta grave

DateFormat

1 ottobre 2020
151/2020

Questi dati sono un’ulteriore indicazione di come l’economia italiana stia provando a recuperare, seppure faticosamente, le perdite subite nei difficili mesi del lockdown. La crescita congiunturale degli occupati (+83mila unità), a differenza di quanto accaduto a luglio, è frutto di un generalizzato miglioramento, con una decisa ripresa dell’occupazione indipendente (+66mila unità sul mese precedente), confermando i segnali di vitalità del sistema già emersi dalle indicazioni sul clima di fiducia di famiglie e imprese. E’ il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio ai dati sugli occupati e i disoccupati ad agosto diffusi oggi dall’Istat.

Questi elementi indubbiamente favorevoli – continua la nota - non modificano neppure marginalmente le valutazioni sulla gravità della crisi e, soprattutto, sulle difficili prospettive di ripresa. Una più soddisfacente crescita dell’occupazione, la risalita della spesa per consumi come anche la necessaria riduzione del rapporto debito-PIL passano tutti dalla rapidità, dall’efficacia e dall’efficienza nei processi di investimento delle risorse europee. Una questione tutta da verificare nei prossimi mesi.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca