Confcommercio su vendite al dettaglio: domanda ancora debole

Confcommercio su vendite al dettaglio: domanda ancora debole

DateFormat

25 novembre 2016
158/2016

158/16
oma, 25 novembre 2016

 

 

CONFCOMMERCIO SU VENDITE AL DETTAGLIO:
DOMANDA ANCORA DEBOLE

 

Il dato sulle vendite di settembre conferma la debolezza della domanda, in particolare, sono andate deluse le aspettative su una crescita congiunturale del comparto alimentare: è il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio ai dati Istat di oggi. Nella valutazione del profilo dei consumi va, però, tenuto conto che nelle vendite al dettaglio non fanno parte quelle di auto né quelle di servizi, comparti che mostrano maggiore vitalità rispetto i beni che passano dai negozi considerati dall'Istat.

Infatti  - aggiunge la nota - le informazioni odierne sul fatturato dei servizi evidenziano nel terzo trimestre dell'anno in corso, forti e positivi sviluppi tendenziali tanto nel comparto del commercio di autoveicoli (+13,8%) quanto per le attività di alloggio e ristorazione (+3,8%). Da sottolineare la crescita del fatturato dei servizi di pubblicità e ricerche di mercato (+4,0%), a indicare qualche elemento di vivacità nella propensione agli investimenti delle imprese.

Resta il fatto l'atteggiamento delle famiglie è improntato alla cautela, in accordo con la dinamica decrescente del clima di fiducia.

 

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca