Confcommercio su disciplina orari apertura negozi: regolamentazione risponde a esigenze economiche e sociali

Confcommercio su disciplina orari apertura negozi: regolamentazione risponde a esigenze economiche e sociali

DateFormat

22 settembre 2014
181/2014

 

181/14
Roma, 20.09.2014

 

 

 

 

Le imprese del commercio continuano a chiudere, oltre 60 mila nei primi sei mesi di quest'anno, e i consumi sono drammaticamente fermi al palo con una spesa delle famiglie che, negli ultimi otto anni, si è ridotta di oltre il 7%. In questa situazione, le liberalizzazioni del commercio attuate con il provvedimento Monti del 2011 non hanno prodotto nè maggiore concorrenza, anche perchè il settore distributivo italiano è già ampiamente liberalizzato, né hanno generato quello stimolo ai consumi e all'occupazione che qualcuno si aspettava.

Pertanto, pur rispettando il parere dell'Antitrust, Confcommercio è convinta che bisogna proseguire nella direzione, peraltro delineata dalla Commissione attività produttive della Camera, che è quella di reintrodurre una regolamentazione in materia di orari dei negozi. L'obiettivo è quello di arrivare ad avere deroghe certe all'interno di un chiaro quadro normativo. Solo così si può contribuire a consolidare il modello distributivo italiano, fatto di piccole, medie e grandi imprese, consentendo ai territori di valorizzare la propria vocazione turistica e commerciale, anche in particolari periodi dell'anno, e alle imprese di contenere i costi e di avere una corretta e certa attività di gestione. Allo stesso tempo si rispetta il valore sociale di queste imprese e si garantisce il mantenimento di un adeguato livello nell'offerta dei servizi ai consumatori in linea peraltro con quello che accade in Europa: questo il commento di Confcommercio in merito al provvedimento sulla disciplina degli orari di apertura degli esercizi commerciali in discussione alla Commissione attività produttive della Camera.

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca