Confcommercio su produzione industriale: rischio di continui stop and go

Confcommercio su produzione industriale: rischio di continui stop and go

DateFormat

10 febbraio 2014
31/2014

31/14
Roma, 10 febbraio 2014

 

Il dato di oggi, che torna a registrare dopo tre mesi una riduzione significativa in termini congiunturali, pone degli interrogativi sulla qualità e la consistenza della tanto attesa ripresa dell'economia italiana: è il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio sui dati Istat sulla produzione industriale.

Vi è il rischio – secondo Confcommercio - che i contenuti miglioramenti rilevati a partire da settembre fossero legati quasi esclusivamente alla necessità di ricostituire le scorte e che questa componente della domanda abbia esaurito i suoi effetti senza generare altri impulsi positivi al sistema.

Emergono dubbi che non vi siano ancora le condizioni per una effettiva uscita dalla recessione, come sembrerebbe indicare anche il calo di fiducia delle aziende del manifatturiero di gennaio, e  - continua la nota - che la nostra economia si avviti in una fase di continui 'stop and go' che non permette di avviarsi su un sentiero di miglioramento consolidato e duraturo in grado di produrre una crescita dell'occupazione e del reddito.

In ogni caso – conclude l'Ufficio Studi di piazza Belli - l'eventuale modesta ripresa che si osserverà nell'anno in corso, non accrescerà l'occupazione in modo significativo, restando quindi confinata alle statistiche piuttosto che produrre benefici tangibili per famiglie e imprese.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca