Confcommercio su vendite al dettaglio: dato deludente

Confcommercio su vendite al dettaglio: dato deludente

DateFormat

23 febbraio 2017
33/2017

33/17 
Roma, 23 febbraio 2017

 

 

 

Evitare manovre recessive sul fronte della finanza pubblica

CONFCOMMERCIO SU VENDITE AL DETTAGLIO: DATO DELUDENTE

 

 

Il deludente dato sulle vendite al dettaglio di dicembre è in linea con un quadro congiunturale complessivamente debole, la cui analisi suscita delle preoccupazioni sull'evoluzione a breve termine dell'economia italiana: è il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio ai dati Istat di oggi.

E' confermato – continua la nota -  l'atteggiamento prudente delle famiglie,  determinato, in larga parte, dall'indebolimento delle dinamiche occupazionali con una crescita della propensione al risparmio in tutto il 2016, anche se non mancano segnali di vivacità su alcuni segmenti di consumo, come per alcuni servizi e per i mezzi di trasporto, voci non comprese nell'indice delle vendite al dettaglio.

Le conseguenze dell'incerto andamento dei consumi si sono fatte sentire soprattutto sulle performance delle imprese di minori dimensioni che nel 2016, dopo il modestissimo recupero dell'anno precedente, sono tornate a registrare una contrazione.

In questo contesto  - conclude l'Ufficio Studi - reso più problematico dalla ripresa dell'inflazione importata, in assenza di una ripresa sostenuta dei livelli occupazionali e della produttività, è di fondamentale importanza che si evitino davvero manovre recessive sul fronte della finanza pubblica.

 

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca