"Respingiamo i camionisti tirolesi senza green pass" la risposta di Paolo Uggè ai divieti dell’Austria

Il presidente di Conftrasporto-Confcommercio oggi alla conferenza stampa di Unioncamere a Roma

"Respingiamo i camionisti tirolesi senza green pass" la risposta di Paolo Uggè ai divieti dell’Austria

DateFormat

21 settembre 2021

Brennero e divieti: Conftrasporto-Confcommercio rilancia l’allarme sulle limitazioni al transito dei mezzi pesanti  adottate dall’Austria, che hanno visto, a inizio 2021, un ulteriore inasprimento per  l’introduzione del divieto notturno.

Il presidente Paolo Uggè, intervenuto oggi a Roma alla conferenza stampa di Unioncamere e Uniontrasporti, ha definito le azioni dell’Austria arbitrarie e illegittime.

Assieme ai colleghi delle principali associazioni dell’autotrasporto italiane e tedesche che hanno partecipato all’incontro, il presidente di Conftrasporto ha evidenziato come il problema non riguardi solo il settore dell’autotrasporto, ma tutto il sistema economico dell’Italia - mettendo a rischio l’interscambio tra il nostro Paese e l'Ue - e della Germania, che con i divieti del Tirolo sono costrette a fare i conti ormai da troppo tempo.

"Quella di Uniontrasporti è un’iniziativa che va riconosciuta e che apprezziamo - sottolinea Uggè -Il tentativo dell’Austria di liberare il mercato dalle merci italiane è iniziato decenni fa, con il sistema degli eco-punti successivamente soppressi con gran disappunto dei tirolesi. Da allora l’Austria ha cominciato a pensare a come intervenire per rallentare di nuovo il sistema produttivo italiano. Ecco allora spuntare l'idea dei divieti, introdotti con il pretesto della salvaguardia ambientale. Al tempo del ‘just in time’, il Tirolo impone la lentezza alla nostra economia frenando i Tir del made in Italy".

"Dobbiamo arrivare velocemente a un’iniziativa forte e condivisa, che imprima una svolta, finalmente, a questa vicenda. - sollecita Uggè - All’Austria dobbiamo rispondere come diceva il presidente Sandro Pertini: ‘A brigante con brigante e mezzo’. Potremmo ad esempio cominciare a bloccare gli autisti austriaci sprovvisti di green pass".

"Il Governo dovrebbe avere tutto l’interesse a sostenerci, ma se non lo farà saremo noi a prendere l’iniziativa andando a Bruxelles", conclude Uggè.

Info:
Laura Ferretto
Addetta stampa
Conftrasporto-Confcommercio
Cell. 342 8584814

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca