Le aspettative delle imprese per il 2013: prevalgono sfiducia e pessimismo

Imprenditori divisi a metà sulla governabilità del Paese37/2013

Le aspettative delle imprese per il 2013: prevalgono sfiducia e pessimismo

DateFormat

20 marzo 2013

 

37/13
Roma, 20 marzo 2013

 

Imprenditori divisi a metà sulla governabilità del Paese

 

LE ASPETTATIVE DELLE IMPRESE PER IL 2013:

PREVALGONO SFIDUCIA E PESSIMISMO

 

Prevale il pessimismo tra le imprese sull'andamento della nostra economia per il 2013 (il 42% degli imprenditori ritiene che andrà peggio rispetto all'anno precedente e per il 52% andrà più o meno nello stesso modo); solo per il 12% degli imprenditori quest'anno la situazione della propria impresa migliorerà rispetto al 2012; tra le principali emergenze da affrontare nell'immediato gli imprenditori indicano la riduzione della pressione fiscale sulle imprese e sul lavoro (per il 90,5%), sulle famiglie (80,1%), le politiche in favore dell'occupazione (72,1%); per circa l'80% degli imprenditori l'emergenza economica si affronta facendo ripartire il credito alle imprese e i consumi; per l'80% delle imprese la strada per fronteggiare le emergenze del Paese passa necessariamente dal taglio dei costi della Pubblica Amministrazione e dei costi della politica; imprenditori divisi a metà tra ottimisti (circa 49%) e pessimisti (circa 44%) sulla capacità del nuovo Esecutivo, qualsiasi esso sia, di riuscire ad affrontare le priorità del Paese nei primi 100 giorni di governo.

 

Questi, in sintesi, i principali risultati che, in vista del Forum Confcommercio di Cernobbio del 22 e 23 marzo, emergono dall'indagine sulle aspettative delle imprese per il 2013 realizzata da Confcommercio-Imprese per l'Italia in collaborazione con Format Research.

 

CLIMA DI FIDUCIA DELLE IMPRESE

Le imprese non sono per nulla fiduciose sull'andamento dell'economia italiana nel 2013: il 42% ritiene che andrà peggio rispetto all'anno precedente, per il 52% andrà più o meno nello stesso modo, ossia "non bene", e soltanto il 6% pensa che in qualche modo la nostra economia migliorerà.

Lo scarso clima di fiducia degli imprenditori riguarda sia la situazione della propria impresa che, ed è la prima volta che accade, la situazione economica della propria famiglia. Infatti, solo per il 12% degli imprenditori quest'anno l'andamento della propria impresa migliorerà  rispetto al 2012. Il 60% ritiene, invece, che la propria impresa andrà come nel 2012 e circa il 28% che andrà peggio.

Inoltre, un imprenditore su quattro afferma che la situazione economica della propria famiglia peggiorerà, per circa il 53% andrà come l'anno precedente e solo il 23% pensa che migliorerà.

 

LE PRIORITÀ DEL PAESE

Imprese, lavoro e famiglie sono le priorità del Paese da cui ripartire. Tra le principali emergenze a cui il nuovo Esecutivo dovrebbe dedicarsi in via prioritaria nei primi 100 giorni di governo gli imprenditori indicano il rilancio dello sviluppo economico del Paese. Ciò significa: riduzione della pressione fiscale sulle imprese e sul lavoro (per il 90,5% degli imprenditori), riduzione della pressione fiscale sulle famiglie (80,1%), politiche in favore dell'occupazione (72,1%).

 

Alla luce dei risultati delle ultime consultazioni politiche e indipendentemente dal "colore" delle forze che formeranno il nuovo Governo, quali sono, a Suo avviso, le principali emergenze del nostro paese alle quali il nuovo Governo dovrebbe dedicarsi in via prioritaria nei suoi primi cento giorni?

 

LE EMERGENZE DEL PAESE

Per l'80% delle imprese la strada per fronteggiare le emergenze del Paese passa necessariamente dal taglio dei costi della Pubblica Amministrazione e dal taglio dei costi della politica (riduzione del numero dei parlamentari, abolizione dei rimborsi elettorali, abolizione delle province, riduzioni delle pensioni d'oro).

Peraltro, oltre il 97% degli imprenditori pensa che la riduzione dei costi della macchina dello stato e della politica non solo è necessario, ma è anche possibile senza che ciò comporti necessariamente una riduzione dei servizi o comunque delle prestazioni ai cittadini.

 

Per fare fronte alle priorità del paese, Lei ritiene che il nuovo Governo dovrà …?

 

L'EMERGENZA ECONOMICA

Fronteggiare l'emergenza economica per oltre l'80% degli imprenditori significa fare ripartire il credito alle imprese e per il 77% consiste nel fare ripartire i consumi.

Circa il 70% delle imprese indica come priorità la riduzione del cuneo fiscale sul lavoro e la riduzione dell'Irap.

Sei imprenditori su dieci sollecitano la necessità di una riduzione degli adempimenti burocratici a carico delle imprese.

 

Con riferimento al rilancio dello sviluppo economico del paese potrebbe dirmi quali dovrebbero essere le priorità tra quelle seguenti…?

 

 

L'EMERGENZA SOCIALE

Per fronteggiare l'emergenza sociale e sostenere le famiglie, gli imprenditori indicano tra le priorità quella di evitare l'aumento dell'IVA (circa l'84%), la riduzione della pressione fiscale per le famiglie numerose (81%), l'abolizione dell'IMU sulla prima casa (78%), l'aumento delle pensioni più basse (68%), l'aiuto alle famiglie ad ottenere il credito per acquistare la prima casa (60%), il sostegno alla natalità (55%).

 

LE CHANCE DEL NUOVO GOVERNO

Sulle chance del nuovo Governo di adottare nell'immediato provvedimenti efficaci serpeggia il pessimismo tra gli imprenditori. Circa il 49% delle imprese ritiene che il nuovo Governo, qualsiasi esso sia, non riuscirà ad affrontare le priorità del Paese nei primi cento giorni, mentre circa il 44% è convinto del contrario.

Tra quelli che si dichiarano pessimisti, oltre sette imprenditori su dieci credono che si tornerà presto alle urne.

 

_____________________

Nota tecnica

Indagine effettuata da Format Research per conto di Confcommercio-Imprese per l'Italia. Campione rappresentativo dell'universo delle imprese italiane.

Numerosità campionaria complessiva: 1.000 casi. Fonte delle anagrafiche delle imprese: Camere di commercio. Interviste telefoniche somministrate con il Sistema Cati (Computer assisted telephone interview). Periodo di effettuazione dell'indagine: dal 4 all'8 marzo 2013.

 

Seguici su Facebook: www.facebook.it/confcommercio e su Twitter: http://twitter.com/Confcommercio
Questo documento è presente sul sito di Confcommercio all'indirizzo http://www.confcommercio.it/sala-stampa
00153 Roma – Piazza G.G.Belli 2, telefono 06.5866228/299 fax 06.5812880,
e-mail:stampa@confcommercio.it

 

 

 

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca