Confcommercio su inflazione: prezzi giù ma consumi ancora fermi

Urgenti i provvedimenti del Governo per imprese e famiglie

Confcommercio su inflazione: prezzi giù ma consumi ancora fermi

DateFormat

14 aprile 2014
78/2014

 

78/14
Roma, 14.04.2014

 

 

Urgenti i provvedimenti del Governo per imprese e famiglie

 

CONFCOMMERCIO SU INFLAZIONE:
PREZZI GIU' MA CONSUMI ANCORA FERMI

 

La conferma che a marzo il tasso di variazione dei prezzi al consumo ha registrato un nuovo ridimensionamento (da agosto 2013 l'inflazione è scesa dall'1,2% allo 0,4%) è un ulteriore segnale del permanere di una dinamica molto debole della domanda per consumi: è il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio-Imprese per l'Italia ai dati Istat diffusi oggi.

Va anche sottolineato, come in un contesto di ridimensionamento dell'inflazione, i prezzi dei servizi regolamentati (rifiuti, acqua, trasporti locali) registrino una variazione su base annua del 4,1%.

La riduzione del tasso d'inflazione o del livello dei prezzi in assoluto, come nel caso degli alimentari – secondo la nota – risulta insufficiente ad una ripresa dei consumi in assenza di un impulso deciso in termini di riduzione del carico fiscale. E', dunque, necessario, che gli annunci del Governo si trasformino rapidamente in provvedimenti concreti a favore di famiglie e imprese.

 

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca