Confcommercio Cuneo incontra l'assessore regionale Vittoria Poggio - Asset Display Page

Confcommercio Cuneo incontra l'assessore regionale Vittoria Poggio

Semplificazione e rispetto delle regole per il terziario moderno, nel rispetto di una sana e leale concorrenza, i temi al centro dell’incontro svoltosi il 7 novembre scorso.

DateFormat

8 novembre 2019

Il 7 novembre scorso l’assessore regionale Vittoria Poggio si è recata in visita a Confcommercio Cuneo. Accolta dal presidente Luca Chiapella, dal segretario generale Marco Manfrinato, da Aurelia Della Torre, presidente del Terziario Donna provinciale, dai vertici dell’Associazione Albergatori e da un folto gruppo di rappresentanti delle dieci Ascom territoriali, la responsabile di Cultura, Turismo e Commercio ha ascoltato con interesse le istanze avanzate, riguardanti le questioni urbanistiche delle aree dismesse, il pericolo desertificazione dei centri storici senza aiuti adeguati a favore del commercio di vicinato, il rischio di dequalificazione per la commistione tra somministrazione e commercio alimentare, l’importanza del ruolo dei Distretti del Commercio per un nuovo slancio nella riqualificazione commerciale, la necessità di misure a sostegno dello sviluppo della rete distributiva in sede fissa ed ambulante.

“Oltre alle richieste specifiche – afferma Chiapella – avanzate a favore dello sviluppo dei settori rappresentati di Commercio, Turismo e Servizi, ho portato anche il bisogno del potenziamento del trasporto pubblico abbinato alle grandi infrastrutture”. “Per il comparto del Turismo, ristorazione, ospitalità e ricettività – dice Giorgio Chiesa, vicepresidente vicario dell’Associazione Albergatori – abbiamo sottolineato la necessità di valorizzare la vocazione della provincia nei confronti dell’outdoor, con un occhio particolare al cicloturismo che può essere una leva importante per la crescita del turismo; abbiamo inoltre chiesto l’attivazione ed il monitoraggio del codice identificativo regionale per le locazioni brevi ed il giusto controllo sul sommerso”. “L’assessore – conclude Chiapella – ha espresso una chiara identità di idee, affermando come sia necessaria la competitività tra le imprese ma con le stesse regole; ha precisato la necessità di verificare la provenienza delle merci sui mercati ambulanti, riportando sui mercati solo aziende che possano proporre solo qualità attraverso la riqualificazione delle aree mercatali”.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca