Confcommercio Padova: "Attenti alle truffe via web" - Asset Display Page

Confcommercio Padova: "Attenti alle truffe via web"

Allarme dell'associazione patavina. "Solo nel campo delle assicurazioni online sono ben 222 i siti oscurati dalla Guardia di Finanza. Ma non di sole assicurazioni fantasma vive chi, trincerandosi dietro siti accattivanti, piazza truffe di importi elevati come truffe di piccole somme".

DateFormat

23 luglio 2019

Solo nel campo delle assicurazioni online sono ben 222 i siti oscurati dalla Guardia di Finanza. Ma non di sole assicurazioni fantasma vive chi, trincerandosi dietro siti accattivanti, piazza truffe di importi elevati come truffe di piccole somme. ''Il fenomeno è purtroppo in aumento esponenziale - confermano all'ufficio legale dell'Ascom Confcommercio di Padova - anche se l'onore delle cronache spetta solo a qualche caso eclatante. In realtà, ogni giorno, ''truffatori 4.0'' ne escogitano sempre di nuove con l'obiettivo di mettere a segno ''colpi'' che, nella stragrande maggioranza dei casi riguardano cittadini che, magari abbacinati dallo specchietto per le allodole rappresentato dal prezzo più che conveniente, finiscono per cadere nella rete di questi professionisti della fregatura''. Naturalmente le tipologie sono delle più varie. E' di qualche settimana fa l'operazione dei finanzieri del Nucleo Speciale Antitrust che hanno sequestrato ben 93 pagine social e 7 siti web sui quali venivano offerte cripto-valute con la promessa di guadagni milionari. ''Che la truffa sia dietro l'angolo - commenta il presidente di Confcommercio Padova, Patrizio Bertin - è noto a tutti ma ciononostante in molti continuano a rispondere al richiamo delle sirene. E' l'effetto debordante dell'e-commerce che, accanto a situazioni trasparenti, ha purtroppo scatenato anche la ''fantasia criminale'' di chi ha trovato il modo per fare soldi facili. Il risultato è noto se non proprio a tutti, sicuramente a molti: merci pagate ma mai consegnate". ''Una situazione in costante aumento anche nel nostro territorio - continua Bertin - che consiglia di muoversi con i piedi di piombo e, meglio ancora, di privilegiare l'acquisto nei negozi fisici''. "Un ragionamento che in tempo di saldi sembra ancora più concreto. Gli sconti che sono praticati nei negozi - ricorda il presidente dell'Ascom Confcommercio - non hanno nulla da invidiare alle offerte dei siti per così dire ''garantiti'', ma hanno tutti i vantaggi del rapporto con un negoziante ''reale'' che, come abbiamo segnalato più volte, ha degli obblighi nei confronti dei consumatori''. ''Nessuna intenzione di criminalizzare l'e-commerce - conclude il presidente dell'Ascom Confcommercio - anche se rimangono inalterate le nostre critiche nei confronti di un'assenza di legislazione che fa sì che le multinazionali non paghino tasse (o ne paghino in quote infinitesimali) , ma un ''avviso ai naviganti'' che, in sintesi, più essere riassunto nel più classico ''non è tutto oro quel che luccica'' e, soprattutto, non è sicuramente ''oro'' se il prezzo è troppo basso''.

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca