Confcommercio Pisa lancia i "Presidi della Legalità"

L'iniziativa itinerante ha preso il via 5 maggio al mercato di Volterra, per proseguire mercoledì 9 in via Paparelli a Pisa, mentre venerdì 11 maggio sarà la volta di Pontedera, con tappa conclusiva al mercato di Cascina giovedì 17 maggio.

Mai abbassare la guardia davanti ai fenomeni dell'abusivismo e della contraffazione. L'imperativo di Confcommercio Pisa torna alla ribalta con i "Presidi della Legalità", organizzati in quattro grandi comuni della provincia, con la collaborazione della Federazione Moda Italia e della Fiva Confcommercio. L'iniziativa, a carattere itinerante, si svolgerà all'interno di alcuni tra i principali mercati di Pisa e provincia e prevede per ciascuna tappa l'allestimento di un "Gazebo della Legalità", un punto di informazione visibile, finalizzato a promuovere e diffondere una cultura della legalità, arricchito da campioni di merce contraffatta esito di sequestri compiuti dalla Guardia di Finanza e dalle Forze dell'Ordine. I "Presidi della Legalità" hanno preso il via  sabato 5 maggio al mercato di Volterra, per proseguire mercoledì 9 in via Paparelli a Pisa, mentre venerdì 11 maggio sarà la volta di Pontedera,con tappa conclusiva al mercato di Cascina giovedì 17 maggio. "Non ci stancheremo mai di ripetere che chi acquista un prodotto contraffatto è complice di un reato, alimenta la criminalità organizzata, mette a rischio la sua salute e quella dei suio figli", è l'invito della presidente di Confcommercio Pisa, Federica Grassini. "E' necessaria una repressione severa e inflessibile da un lato, abusivismo e contraffazione sono anche questioni di cultura e consapevolezza, se è vero che il 72% degli italiani pensa che sia normale o comunque un peccato veniale acquistare un prodotto falso. Eppure si tratta di un crimine che comporta gravi rischi per la salute, genera concorrenza sleale, alimenta la malavita e brucia migliaia di posti di lavore regolare", prosegue la Grassini. 

04 maggio 2018