Confcommercio replica a Coldiretti: continua la disinformazione

Sì ad una maggiore efficienza della filiera, no a formule di vendita che non rispettano le regole46/2009

Confcommercio replica a Coldiretti: continua la disinformazione

DateFormat

30 aprile 2009
46/09

 

 

46/09

Roma, 30.04.09

 

Sì ad una maggiore efficienza della filiera,

no a formule di vendita che non rispettano le regole

 

CONFCOMMERCIO REPLICA A COLDIRETTI: CONTINUA LA DISINFORMAZIONE

 

 

Confcommercio è da sempre molto attenta alle politiche e alle proposte che provengono dalle organizzazioni agricole quando vanno nella giusta direzione che è quella dell’aumento della produttività del sistema e di una maggiore efficienza della filiera, anche attraverso una riduzione dei costi. Ma ancora una volta assistiamo ad un’opera di disinformazione unicamente da parte di Coldiretti che, evidentemente senza aver fatto correttamente i calcoli, ancora crede che per ogni euro speso per l’acquisto di prodotti alimentari ben 60 centesimi vadano nelle tasche dei commercianti. Affermazione che, oltre ad essere priva di ogni fondamento scientifico, mira ad individuare presunti atteggiamenti speculativi da parte del settore distributivo dei quali abbiamo sempre dimostrato l’assoluta inesistenza: questa la secca replica di Confcommercio in merito alle affermazioni di Coldiretti sulla ripartizione del valore lungo la filiera agroalimentare.

 

La cifra di 60 centesimi – prosegue Confcommercio -altro non è che il margine lordo del commercio e del trasporto generato dall’acquisto dei prodotti a cui, però, vanno detratti i costi di gestione (affitti, acqua, luce, gas, ecc.) e le voci relative al trasporto, alle imposte dirette ed indirette, al costo del lavoro dipendente. Il risultato finale, e cioè l’utile netto degli imprenditori del commercio, non è allora i 60 centesimi che si vuole far credere ma appena 7-8 centesimi, che vanno a remunerare sia il comparto dell’ingrosso sia il dettaglio, se consideriamo nel calcolo – ed è giusto includere questa voce -anche i sussidi all’agricoltura pari a 125 miliardi di euro tra il 1999 e il 2006. Questa rimane l’unica ripartizione corretta e scientificamente dimostrabile del valore lungo la filiera.

 

Altro punto economicamente insostenibile riguarda le promesse di una riduzione dei prezzi attraverso la vendita diretta (come i “farmers’ market”) che l’esperienza degli ultimi mesi contraddice nettamente visto che gli stessi consumatori hanno dovuto ricredersi rispetto alle attese di forti sconti che in realtà non ci sono stati (in alcuni casi addirittura prezzi superiori).

 

Ben vengano, tuttavia, nuove formule imprenditoriali e innovative a condizione che rispettino le regole del commercio, soprattutto in materia fiscale ed igienico-sanitaria. Senza dimenticare, però, che esercitare la professione commerciale oggi richiede professionalità, competenze e percorsi formativi specifici.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca