Argomenti: Articolo 

Confcommercio su vendite al dettaglio: "Restano fragilità strutturali"

"E' un dato che testimonia capacità e voglia di reagire da parte delle famiglie italiane rispetto a una difficile condizione di frenata dell'occupazione, riduzione delle ore lavorate, redditi stagnanti, prospettive più incerte". Questo il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio sulle rilevazioni delle vendite al dettaglio di gennaio diffuse dall'Istat. "I consumi – continua la nota - tengono, dentro un quadro i cui tratti sono, però, rivelatori di elementi di fragilità strutturale: le crescite apprezzabili sono confinate al commercio elettronico e ai discount, segno di un netto orientamento al saving, mentre proseguono le difficoltà delle piccole superfici di vendita".