Fassina: "In arrivo una piattaforma di credito per le Pmi" - Asset Display Page

Fassina: "In arrivo una piattaforma di credito per le Pmi"

Il vice ministro dell'Economia e delle Finanze ha partecipato alla sessione conclusiva del Forum dei Giovani Imprenditori di Confcommercio. Il governo, tra lunedì e martedì, presenterà un emendamento alla legge di Stabilita' per facilitare l'accesso al credito per le piccole e medie imprese.

DateFormat

16 novembre 2013

 

Il viceministro dell'Economia Fassina è intervenuto alla sessione conclusiva del Forum dei Giovani Imprenditori di Confcommercio:  "Da tempo sostengo – ha detto Fassina - che chiamare crisi quello che sta avvenendo è riduttivo.  Siamo in una fase di passaggio, un grande cambiamento storico. Il baricentro economico si sta spostando da occidente verso oriente  provocando violenti scossoni e però si aprono importanti opportunità che dovremo saper cogliere".  "A me pare – ha detto Fassina - che senza voler alimentare il gioco dello scaricabarile siamo nell'Unione Europea che ha molta rilevanza per il nostro futuro e condiziona fortemente le scelte dei governi nazionali riducendone gli spazi di manovra. Oggi le scelte fondamentali sull'economia vengono prese a Bruxelles. Non voglio minimizzare le nostre responsabilità di classe dirigente politica ma non siamo può in un contesto dove le leve della politica economica sono nazionali. La direzione di marcia dell'eurozona non funziona. Una crisi che non nasce da debito pubblico ma da privato ed è invece stata affrontata come se fosse stata causata dal pubblico e in questo modo l'economia si è avvitata. Siamo in una situazione analoga a quella della grande crisi degli anni Trenta". Per Fassina il problema è che "secondo l'Europa tutti dobbiamo crescere attraverso le esportazioni ma bisogna trovare qualcuno che importa. La teoria mercantilista non paga". Il vice ministro dell'Economia ha poi ricordato che "non c'è una ripresa significativa da agganciare,  sono stime molto modeste e anche ottimistiche. La ricerca va sollecitata e promossa attraverso una  politica adeguata".  Fassina ha ricordato l'importanza che ha per le imprese l'Unione Bancaria Europea e ha elogiato Draghi per aver tagliato i tassi d'interesse. "Tuttavia – ha detto - un'inflazione bassa complica i compiti di tutti". Il vice ministro dell'Economia ha poi rivendicato in qualche modo l'operato del governo: "La Legge di Stabilità è stata giudicata poco coraggiosa ma è la prima legge dal 2000 ad oggi che dà invece di sottrarre all'economia reale. Anche la riduzione del cuneo fiscale è modesta ma è pur sempre una riduzione. Si cercherà per quanto possibile di rafforzare l'impatto espansivo di questo provvedimento". Fassina ha quindi concluso il suo intervento annunciando un intervento importante nell'ambito del sempre difficile accesso al credito per le Pmi. "Posso anticipare che nei prossimi giorni approveremo un emendamento che va molto oltre il Fondo Centrale di Garanzia. La Cassa Depositi e Prestiti potrà acquistare "pacchetti" di credito dalle banche da girare poi alle imprese offrendo in cambio alle banche una garanzia pubblica".    

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca