Argomenti: Articolo 

Fisco troppo burocratico: 238 ore l'anno per pagare le imposte

Rete Imprese Italia in audizione al Senato sul processo di semplificazione del sistema tributario: "via complessità e oneri per sostenere lo sviluppo delle imprese". "Il sistema fiscale italiano è farraginoso e barocco".

"Oggi l'Italia, oltre ad essere in testa nell'Ue per la pressione fiscale, mantiene il record negativo anche per la burocrazia fiscale: per pagare le tasse servono 238 ore l'anno, 79 ore in più rispetto alla media dei Paesi Ocse. Ridurre le complessità e il peso degli oneri fiscali è condizione fondamentale per accompagnare lo sviluppo delle imprese. Il sistema fiscale italiano è farraginoso e barocco, una vera e propria giungla: va ripensato anche in funzione del tessuto economico del Paese composto per il 98 per cento da micro e piccole imprese".  Lo ha sottolineato il segretario generale di Confartigianato Cesare Fumagalli, intervenuto a nome di Rete Imprese Italia, all'audizione conoscitiva sul processo di semplificazione del sistema tributario presso la Commissione Finanze e Tesoro del Senato. Secondo il soggetto unitario di rappresentanza delle pmi e dell'impresa diffusa, il sistema tributario non può limitarsi ad interventi spot ma deve basarsi su alcuni capisaldi: il riordino in testi unici di tutte le disposizioni fiscali per tipologia di soggetto, la stabilità delle disposizioni che impongono adempimenti fiscali, la non retroattività delle disposizioni tributarie e la "costituzionalizzazione" dello Statuto del contribuente, l'accorpamento dei tributi che fanno riferimento alla medesima base imponibile, come  IMU e TASI e IRAP. Inoltre, a giudizio di Rete Imprese Italia, dopo che con il passaggio dalla fatturazione cartacea a quella elettronica le imprese hanno dimostrato capacità di adattamento alle innovazioni tecnologiche che permettono un controllo puntuale delle singole posizioni dei contribuenti, tocca al ora Fisco mostrare analogo impegno abrogando o rimodulando una serie di norme che, nel corso degli ultimi anni, hanno creato danni finanziari alle imprese. Il riferimento è al regime IVA dello split payment e del reverse charge e alla ritenuta applicata sui bonifici che danno diritto a detrazioni d'imposta.

13 marzo 2019