Green pass per tutti lavoratori, via libera del Cdm

Green pass per tutti lavoratori, via libera del Cdm

Il Consiglio dei ministri ha approvato l’ampliamento dell’obbligo vaccinale a tutti i lavoratori pubblici e privati dal 15 ottobre. Sanzioni severe anche per i datori di lavoro, tamponi a prezzo calmierato e divieto di licenziare. 

Confcommercio: “bene l’estensione a pubblico e privato e l’esclusione di costi per le imprese”.

DateFormat

16 settembre 2021

Niente soprese stavolta: come previsto il Consiglio dei ministri ha varato il decreto legge (“un decreto  per continuare ad aprire", ha commentato il premier Mario Draghi) che impone a tutti i lavoratori, sia del settore pubblico che di quello privato, l’obbligo del possesso del certificato verde per svolgere la propria attività professionale a partire dal 15 ottobre e fino ad almeno il 31 dicembre, data di scadenza dello stato di emergenza. Chi non sarà in regola rischia una multa che va da 600 a 1.500 euro (i lavoratori) e da 400 a mille euro (gli imprenditori). Già, perché questi ultimi saranno responsabili dei controlli e quindi delle eventuali violazioni. In ogni caso, viene esclusa la possibilità di licenziare i lavoratori senza 'green pass' e sono stati previsti prezzi calmierati per i tamponi, l'alternativa al vaccino per assicurarsi il sospirato lasciapassare: 8 euro per i minorenni e 15 per i maggiorenni, mentre è concessa la gratuità a chi non può vaccinarsi per motivi di salute. Il tutto nelle farmacie che hanno aderito al protocollo d'intesa. Per le attività che non rispetteranno questi i prezzi è introdotta una sanzione da mille a 10mila euro, oltre alla possibilità di chiusura dell'attività per cinque giorni con provvedimento del prefetto.

Che succede però per lavoratori autonomi e professionisti? Lo ha spiegato il ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta: "il criterio base seguito da Draghi, che ha avuto il nostro consenso, è di volere l'applicazione del 'green pass' ovunque fosse possibile controllare, quindi nei posti di lavoro. Dove c'è una porta di accesso si applica il 'green pass'. Se il professionista è un lavoratore autonomo è tenuto al 'green pass', poi si regolerà con i suoi clienti in ragione a specifici protocolli previsti per la sua professione".

Per quanto riguarda infine la situazione delle attività ancora “al palo” o che non marciano a pieni giri, c’è da segnalare quanto affermato dal ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, per il quale il primo ottobre si discuterà  della riapertura delle discoteche e dell’eventuale aumento delle capienze dei luoghi di spettacolo. Una dichiarazione però presto “gelata” da quella del collega alla Salute, Roberto Speranza: “l'orientamento è: monitoriamo con attenzione la curva dopo l'apertura delle scuole, se la curva dovesse reggere lavoreremo per allargare le maglie per quanto riguarda le capienza. Comprendiamo le richieste dal mondo del cinema e dello sport ma abbiamo bisogno di alcune settimane per valutare la curva dopo l'apertura delle scuole".

 

Confcommercio: “bene l’estensione a pubblico e privato e l’esclusione di costi per le imprese”

“Bene l’estensione della certificazione verde in ambito lavorativo pubblico e privato e  l’esclusione di costi a carico delle imprese per i tamponi”. Questo il commento di Confcommercio, per la quale quest’ultima è “una scelta che completa l’impegno organizzativo e di investimenti messo in campo dalle imprese per la tutela della salute di chi vi opera in ottemperanza ai protocolli sulla sicurezza rispetto alla pandemia Covid-19  e alle linee guida delle Regioni per le diverse attività economiche”. In previsione del 15 ottobre, per la Confederazione occorre poi “un’attenta programmazione delle vaccinazioni. Sulla scorta del testo definitivo del provvedimento, andranno comunque valutati gli aspetti organizzativi in materia di gestione dei controlli e le previsioni concernenti l’attivazione di contratti di sostituzione nelle imprese con meno di quindici dipendenti”.

“L’auspicio – conclude Confcommercio - è che possa essere rapidamente colmato il divario ancora esistente per raggiungere l’immunità sociale necessaria per scongiurare nuove chiusure”.

 

Sangalli: "servono più sicurezza e più fiducia"

“L’estensione del Green Pass mette in sicurezza le imprese del terziario di mercato che rappresentano settori vitali per la nostra economia, ma queste imprese, penalizzate dalla crisi, non possono sostenere costi aggiuntivi di nessun genere. C’è, invece, bisogno di più sicurezza e più fiducia perché il nostro Paese possa consolidare la crescita di questi ultimi mesi”.

 

Green pass nei luoghi di lavoro, “norma di difficile applicazione, servono chiarimenti”

"Chiediamo una norma chiara e di facile applicazione. Così non lo è". Parole del responsabile Lavoro e Welfare di Confcommercio, Guido Lazzarelli, che sottolinea l’esistenza di "dubbi interpretativi" sull'applicazione del decreto nei luoghi di lavoro. “Perché – si chiede - la sospensione del lavoratore scatta solo al quinto giorno? E perché la sostituzione a termine dura solo 10 giorni? Che succede poi se all'undicesimo giorno decido una proroga di un contratto a termine? Posso fare un altro contratto a dieci giorni di seguito all'altro?". Nella versione attuale, insomma, la norma presta il fianco a contenziosi. "Auspichiamo che arrivino in tempi brevi i necessari chiarimenti interpretativi perché è necessario alleviare i problemi organizzativi delle pmi", conclude Lazzarelli.

 

Agis: “bene l’avvio della discussione sull’aumento della capienza”

“Le dichiarazioni di Giorgetti confermano la bontà della posizione assunta dalla nostra Associazione negli ultimi mesi: ossia che i luoghi di spettacolo - cinema, teatri sale da concerto o spazi all’aperto - si sono dimostrati nel corso del tempo luoghi assolutamente sicuri per la salute del pubblico, a maggior ragione in seguito all’obbligo del green pass”. Così Carlo Fontana, presidente di Agis-Confcommercio, l’Associazione generale italiana dello spettacolo, che aggiunge: “posto che il nostro settore continuerà ad operare con il massimo scrupolo nel rispetto delle norme vigenti, riteniamo che l’obbligo di mascherina e la verifica dei green pass possano essere elementi che consentano di superare il distanziamento interpersonale, già abbondantemente superato in tante altre attività. Ci auguriamo – conclude Fontana – che il prossimo primo di ottobre sia la data del pieno rilancio dello spettacolo, rilancio che non potrà che passare attraverso la decisione di riportare a piena capienza i luoghi dello spettacolo”.

 

Silb:”bene Giorgetti sulla riapertura delle discoteche”

“Non posso che accogliere con soddisfazione le dichiarazioni del ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, secondo il quale il prossimo primo ottobre si prenderà una decisione sulla riapertura delle nostre aziende" . Così Maurizio Pasca, presidente del Silb, il Sindacato Italiano dei locali da ballo aderente a Fipe-Confcommercio. "In questi mesi abbiamo messo a punto un protocollo efficace per garantire la tutela della salute di tutti, approvato anche dal CTS, eppure nessuno ha voluto tenerne conto", ha aggiunto Pasca. "Tra le misure da noi proposte c'è l'obbligo di green pass per chi vorrà venire a ballare. Mi pare evidente che questo possa rappresentare un forte incentivo al vaccino per tutti quei giovani che hanno voglia di tornare a divertirsi. L'appello che faccio è sempre lo stesso: fateci riaprire o del nostro comparto rimarranno solo macerie e 100mila persone finiranno senza lavoro", ha concluso il presidente del Silb.

 

Fipe: “serve una proroga della cassa Covid straordinaria”

"Servono altre settimane di cassa Covid straordinaria. Sebbene dall'estate siano venuti segnali incoraggianti e tutti ci auguriamo che possa finalmente evolvere positivamente il quadro sanitario, permangono forti preoccupazioni legate ad una completa ripresa che riporti le imprese ai livelli precedenti al Covid-19. Per questo chiediamo al Governo di intervenire subito". Lo ha affermato il direttore generale di Fipe-Confcommercio, Roberto Calugi, in vista dell'ormai imminente esaurimento degli ammortizzatori sociali straordinari "Covid-19" . Succederà il 10 ottobre prossimo e riguarderà gran parte delle imprese che hanno utilizzato ininterrottamente le 28 settimane FIS Covid-19 concesse dal Governo dal primo aprile scorso.

"Ci sono interi settori, come ad esempio la ristorazione aeroportuale che, più di altri, stanno risentendo del crollo registrato a partire dal febbraio 2020 del volume del traffico turistico e per i quali è più difficile prefigurare, al momento, un recupero dei livelli del periodo ante Coronavirus. Più in generale - prosegue Calugi - le difficoltà riguardano tutta la ristorazione tradizionale, così come la ristorazione collettiva, il catering e tutto il mondo dell'intrattenimento, fermo da un anno e mezzo. Per questo è necessario che il Governo, in attesa della riforma degli ammortizzatori sociali, intervenga riprendendo una proposta che era apparsa e della quale poi non si è sentito più parlare". "Ci sembra una richiesta di buonsenso - conclude il direttore generale di Fipe-Confcommercio - che permetterebbe alle imprese ed ai lavoratori di affrontare con maggiore serenità i prossimi mesi, almeno fino alla fine dell'anno, da accompagnare al relativo blocco dei licenziamenti per le imprese che utilizzerebbero le ulteriori settimane".

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca