Argomenti: Articolo 

Bolletta del terziario ai massimi dal 2014

Nel quarto trimestre 2018 l'Indice Costo Energia Terziario–Elettricità è aumentato del 7% rispetto al trimestre precedente. L'Indice ICET-G, che misura l'andamento medio della spesa per la fornitura di gas naturale, è invece cresciuto del 7,31% rispetto ai tre mesi precedenti.

L'Indice Costo Energia Terziario – Elettricità (ICET-E), che misura l'andamento della spesa per la fornitura di energia elettrica sostenuta in regime di maggior tutela dai profili tipo di imprese del settore dei servizi, segna, per il IV trimestre 2018, un aumento del 7% rispetto al trimestre precedente. L'aumento della spesa energetica è sostanzialmente dovuto ad un continuo rialzo delle commodities energetiche. L'Autorità per l'energia è quindi obbligata a tenere conto dell'andamento del mercato spot e dei relativi forward al fine di stabilire le condizioni economiche per l'acquisto di energia elettrica per i prossimi mesi invernali. Il nuovo collegio dell'Autorità per l'energia, considerato gli scenari energetici in atto, ha ritenuto opportuno di mantenere stabile ("effetto congelamento"), anche per il IV trimestre 2018, il livello degli oneri di sistema che pertanto restano invariati. Questa decisione avrà ripercussioni sugli aggiornamenti futuri. Si dovrà infatti recuperare circa 1 miliardo in termini di gettito sugli oneri di sistema. Analizzando l'incidenza delle diverse componenti sulla spesa lorda per l'elettricità riscontriamo il calo del peso delle componenti fiscali, considerato l'azzeramento degli oneri ARIM e l'aumento del prezzo della materia prima, che toccano il valore minimo di 47,4% (Accise + Oneri + IVA) mentre il rialzo del  peso della componente materia prima misura ora 38,1%.  Nel quarto trimestre 2018 l'Indice ICET-G, che misura l'andamento medio della spesa per la fornitura di gas naturale sostenuta dai profili tipo di imprese del settore dei servizi, rileva un aumento del +7,31% rispetto al trimestre precedente. 

29 ottobre 2018