Il Decreto Agosto è legge: poche novità per le professioni - Asset Display Page

Il Decreto Agosto è legge: poche novità per le professioni

Poche novità rispetto al testo originario. È prevista la proroga dei versamenti da dichiarazione dei redditi per partite Iva e professionisti che entro il 30 ottobre possono pagare il saldo 2019 e il primo acconto 2020.

DateFormat

19 ottobre 2020

La legge di conversione del Decreto Agosto è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 13 ottobre ed è entrata in vigore dal 14 ottobre 2020.

 

Per le professioni solo poche novità rispetto al testo originario. È prevista la proroga dei versamenti da dichiarazione dei redditi per partite Iva e professionisti che entro il 30 ottobre possono pagare il saldo 2019 e il primo acconto 2020. La proroga è applicata a quei soggetti che abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33 per cento nel primo semestre dell'anno 2020 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

 

Le risorse destinate al credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale a cui hanno accesso anche i professionisti, inoltre, sono state incrementate di 403 milioni di euro per l’anno 2020.

 

Non è stata modificata in sede di conversione in Legge, la norma che prevede l’erogazione automatica per il mese di maggio 2020 dell’indennità, elevata a 1.000 euro, a valere sul fondo per il reddito di ultima istanza, con estensione però dal 30 aprile al 31 maggio 2020 del termine per la cessazione di attività anche per i liberi professionisti iscritti agli enti di previdenza obbligatoria di diritto privato che non abbiano beneficiato dell’indennità di 600 euro per il mese di aprile 2020.

 

È stata altresì confermata la previsione che stabilisce un incremento della dotazione del fondo di sostegno previsto dall’art.182 del decreto-legge 19 maggio 2020 n.34 di 240 milioni (che diventa, quindi, di 265 milioni) e l’inserimento tra i beneficiari anche delle guide e degli accompagnatori turistici.

 

Per agevolare inoltre le assemblee condominiali, è stata inserita la possibilità di svolgimento dell’assemblea in videoconferenza anche dove non previsto dal regolamento condominiale e previo consenso di tutti i condomini, ed è stato sospeso il termine previsto per legge per la convocazione dell’assemblea per l’approvazione del rendiconto consuntivo fino alla cessazione dello stato di emergenza.

 

Positivo, infine, che ci si preoccupi della semplificazione amministrativa e burocratica per i giovani al di sotto dei 30 anni che vogliono avviare nuove attività professionali. Continuiamo a sostenere, tuttavia, che in questo momento di particolare difficoltà per il settore dei servizi professionali, per cui i professionisti già presenti sul mercato subiscono forti cali di fatturato, debbano trovarsi risposte anche per questi ultimi in termini di maggiore semplificazione e sgravi fiscali, sostegno alla domanda e misure per la competitività.

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca