Le imprese femminili hanno un'anima "green"

Le imprese femminili hanno un'anima "green"

Quarta tappa a Bari del progetto “Impresa è donna” organizzato da Terziario Donna Confcommercio. Presentata un’indagine sulle imprese femminili del terziario. 

DateFormat

24 ottobre 2022

La Fiera del Levante di Bari  ha ospitato l’incontro “Imprese femminili e sostenibilità” quarta tappa del progetto “Impresa è donna” organizzato da Terziario Donna Confcommercio e dedicato ai temi della parità di genere, della transizione ambientale e digitale, della sostenibilità sociale, del credito e della formazione. 

Per le imprese femminili le parole d'ordine sono "green" e "sostenibilità"

Nel corso dell’incontro, che ha affrontato in particolare i temi della sostenibilità ambientale, sociale ed economica sono stati presentati i risultati di un’indagine sulle imprese femminili del terziario svolta in collaborazione con il Centro Studi delle Camere di Commercio “Guglielmo Tagliacarne”.

Motivazioni cha hanno spinto le imprese ad investire nel green

Fonte: Confcommercio- Terziario Donna 

 

Nove imprese femminili su dieci ritengono importante adottare misure green per ragioni di sostenibilità ambientale e il 47% prevede di fare investimenti orientati a ridurre gli impatti dell’impresa sull’ambiente per il triennio 2022-2024. Questa attenzione alla sostenibilità ambientale da parte delle imprese ”in rosa” si è accentuata dopo la crisi pandemica e si incrementerà anche alla luce della crisi generata dal conflitto Russia-Ucraina, soprattutto in relazione ai temi dell’autonomia energetica.

Le imprese green sono più competitive: infatti, tra le imprese femminili che hanno effettuato investimenti in sostenibilità ambientale, il 45% ha dichiarato di prevedere un incremento di fatturato nel 2022 rispetto all’anno scorso, il 22% prevede di incrementare il numero dei propri occupati, il 14% prevede un ritorno ai livelli produttivi pre-Covid.

La maggior parte delle imprese eco-investitrici ha avviato innovazioni che riguardano il processo produttivo più che la realizzazione di prodotti green. Tuttavia, nel corso degli anni è aumenta la quota di imprese che punta ad entrambe le innovazioni. Questa tendenza non può che essere valutata positivamente e indica una sempre maggiore consapevolezza delle imprese sulle tematiche della sostenibilità ambientale.

Le imprese non eco-investitrici incontrano diverse barriere che impediscono loro di realizzare investimenti green. I tre principali ostacoli sono: l’insufficienza di risorse finanziarie, segnalato da più di un’impresa femminile su tre (34%) e da un’impresa maschile su cinque (20%); la mancanza di cultura green segnalata dal 21% delle imprese femminile e dal 28% delle imprese maschili; la scarsa conoscenza delle agevolazioni pubbliche e alla difficoltà di ottenerle (17% delle femminili e 22% delle maschili).

Le imprese femminili terziarie mostrano una maggiore attenzione alle tematiche legate alla sostenibilità sociale, curando maggiormente il rapporto con i fornitori (31% vs il 27% delle imprese maschili) e con i clienti (27% vs 16% delle imprese maschili). 

 

Le barriere ad investire nel green incontrate dalle imprese femminili e non (che non hanno investito)

 

Fonte: indagini Centro Studi Tagliacarne-Unioncamere

 

Anna Lapini: "Per le donne condizioni di partenza penalizzanti"

Commentando i dati della ricerca sulle imprese femminili, svolta in collaborazione con il Centro Studi delle Camere di Commercio “Guglielmo Tagliacarne“, la presidente di Terziario Donna, Anna Lapini ha sottolineato che "anche quando si parla di sostenibilità, le donne, le imprenditrici, dimostrano di essere più avanti, di saper guardare oltre, di aver compreso che non ci può essere sostenibilità ambientale senza sostenibilità sociale ed economica, e viceversa. Ma anche in questo caso le donne scontano condizioni di partenza e di contesto penalizzanti: la maggiore propensione ad intraprendere un percorso green si scontra con l’insufficienza di risorse finanziarie, difficoltà che blocca la transizione ecologica di un’impresa femminile su tre, ma solo un’impresa maschile su 5". "Le politiche e gli strumenti messi in campo da Terziario Donna Confcommercio - ha concluso Lapini - mirano a rimuovere questi ostacoli.

All'evento hanno partecipato tra gli altri: Carla Palone, assessora alla Città produttiva e al mare; Titti De Simone, consigliera del presidente Regione Puglia; Luciana Di Bisceglie, vicepresidente nazionale Terziario Donna Confcommercio, e presidente Terziario Donna Confcommercio Bari; Alessandro Rinaldi dell’Istituto Tagliacarne; Alessandro Delli Noci, assessore Sviluppo Economico Regione Puglia; Massimo Lombardini, associate Research Fellow ISPI; Lara Marchetta, delegata WWF Puglia; Lucia Parchitelli, consigliera regionale; Luca Squeri, responsabile energia Forza Italia; Cristina Riganti , vicepresidente nazionale Terziario Donna incaricata per la sostenibilità.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca