Legge Stabilità: arriva il credito d'imposta per la sicurezza dei cittadini

Legge Stabilità: arriva il credito d'imposta per la sicurezza dei cittadini

DateFormat

14 dicembre 2015

 

Tra gli ultimi emendamenti alla Legge di Stabilità 2016, nel pacchetto "sicurezza e cultura" del Governo, spunta uno stanziamento di 15 milioni di euro da destinare all'istituzione di un credito d'imposta per la sicurezza dei privati. Nello specifico, il "bonus" consentirà ai cittadini che installeranno sistemi di videosorveglianza elettronica o che stipuleranno contratti con istituti di vigilanza privata, in entrambi i casi con riferimento alle sole abitazioni private, di "alleggerire" la spesa per la sicurezza grazie ad un credito d'imposta a beneficio della persona fisica (non nell'esercizio di attività di lavoro autonomo o di impresa, quindi esclusi artigiani e commercianti). Per Anna Lapini, responsabile Legaòità e Sicurezza di Confcommercio, si tratta di "un segnale importante di attenzione rispetto alla crescente domanda di sicurezza da parte dei cittadini, e soprattutto del riconoscimento del ruolo e della professionalità del settore della vigilanza privata". Confcommercio sottolinea che "non può tuttavia essere ignorata  la necessità che anche le imprese, ed in particolare le piccole e medie imprese – sulle quali la criminalità pesa per 27 mld di euro l'anno, causando perdite pari al 7,1% del fatturato - possano essere sostenute nello sforzo economico di provvedere alla propria difesa ed invita quindi il Governo a trovare le risorse necessarie". "Finalmente: molti, troppi anni fa, abbiamo iniziato a richiedere una maggiore attenzione, proprio sotto il profilo degli oneri fiscali, alle già allora notevoli esigenze ed istanze di sicurezza, in particolare dei privati, in modo da consentire un più agevole accesso alle prestazioni di sicurezza, adeguando peraltro un comparto che tutela un bene primario ad altre realtà, quali ad esempio l'editoria, che da sempre godono di agevolazioni di questo tipo. Mai abbiamo negato l'importanza della cultura. Troppi, almeno finora, hanno invece denegato il valore della sicurezza. Speriamo  che l'emendamento trovi unanime accoglimento, proprio in considerazione del bene del quale, applicando tale nuova norma, si andrebbe finalmente ad ampliare la tutela", commenta invece Luigi Gabriele, presidente di FederSicurezza.

 

 

 

 

 

 

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca