L'Istat vede "estesi segnali di ripresa" - Asset Display Page

L'Istat vede "estesi segnali di ripresa"

Nella nota mensile l'Istituto di statistica afferma che nonostante il crollo del Pil nel secondo trimestre ci sono forti indicazioni di"rimbalzo" nell'industria e nel commercio estero.

DateFormat

8 settembre 2020

La caduta del Pil italiano del secondo trimestre è associata a estesi segnali di ripresa emersi, da maggio, per la produzione industriale e da giugno per i nuovi ordinativi della manifattura e per le esportazioni che hanno riportato forti incrementi sia verso i mercati Ue sia verso quelli extra-Ue, interessando tutte le principali categorie di beni.

Lo rileva l'Istat nella Nota mensile, aggiungendo che a livello globale dopo il crollo di marzo e aprile l'economia mondiale ha iniziato a mostrare segnali di progressivo miglioramento. Il commercio internazionale di merci in volume, che nel secondo trimestre è diminuito del 12,5%, a giugno ha registrato un rimbalzo significativo e diffuso tra i Paesi.

Tornando all'Italia a luglio,  scrive ancora l'Istat, stime preliminari sui flussi commerciali con i Paesi extra-Ue indicano la prosecuzione della fase di risalita delle vendite all'estero mentre ad agosto il clima di fiducia delle imprese ha confermato i segnali positivi la cui diffusione coinvolge quasi tutti i settori anche se con intensità diverse. A luglio si sono registrati i primi segnali di recupero anche per l'occupazione accompagnati da una intensificazione della ripresa delle ore lavorate pro capite. Ad  agosto, si è ampliata la tendenza alla flessione dei livelli dei prezzi al consumo, ancora condizionati dalla caduta tendenziale delle quotazioni dei prodotti energetici.

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca