Crolla il traffico passeggeri, per le merci calo di fatturato difficilmente recuperabile - Asset Display Page

Crolla il traffico passeggeri, per le merci calo di fatturato difficilmente recuperabile

Nel primo semestre 2020, secondo i dati del quinto “Osservatorio congiunturale dei Trasporti” elaborato dall’Ufficio studi di Confcommercio per Conftrasporto, il traffico passeggeri è calato del 53% e quello delle merci di quasi il 25%. Uggè: "servono interventi economici e di semplificazione specifici per il settore".

DateFormat

28 luglio 2020

Precipita il traffico passeggeri e anche per le merci, sebbene le perdite siano più contenute, i cali di fatturato saranno difficilmente recuperabili. È ciò che emerge dal quinto “Osservatorio congiunturale dei Trasporti” elaborato dall’Ufficio studi di Confcommercio per Conftrasporto nel primo semestre del 2020.

Lo studio evidenzia che il traffico passeggeri (ITC, Indice Trasporti Confcommercio) è crollato del 53% e quello delle merci di quasi il 25%. Gomma, ferro, mare e aereo presentano riduzioni tendenziali del traffico passeggeri nella prima metà dell’anno che vanno dal 45-50% al 70%. Il che vuole dire, tra l’altro, che ad aprile le riduzioni sono state di quasi il 100% sia rispetto ad aprile 2019 che a marzo 2020. La minore riduzione delle merci testimonia il funzionamento del sistema logistico-trasportistico, di cui sono state apprezzate le virtù in termini di efficienza ed efficacia degli approvvigionamenti durante il periodo peggiore della crisi, a sostegno dei consumi e della produzione.

Dall’Osservatorio emerge poi che le perdite di reddito e di fatturato del recente passato non sono del tutto recuperabili e peseranno sui bilanci delle aziende. Gli operatori ne sono consapevoli, come testimoniano le dichiarazioni sulla fiducia e sulle attese: per la prima volta in quattro anni, le ultime rilevazioni semestrali indicano un giudizio sul futuro peggiore di quello sul recente passato. E non si sentono di escludere qualche ulteriore cattiva sorpresa (forse non pensano al possibile ritorno del contagio, bensì al pieno manifestarsi del deterioramento del conto economico): tutti i dati dicono, infatti, magari in modo non perfettamente coerente, che il trasporto - e l’autotrasporto in particolare - ha continuato a operare durante l’emergenza, ma nessuno sa se è riuscito a coprire i costi.

"Le indicazioni fornite dall'Osservatorio sono impressionanti. Nella prima metà dell'anno - commenta il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio, Paolo Uggè - la mobilità delle persone si è più che dimezzata, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, con i collegamenti via mare crollati del 60% e il trasporto di merci su strada, che ha garantito la continuità degli approvvigionamenti del Paese anche nei momenti più difficili della pandemia, si è ridotto di circa un terzo. Emerge, con forza, l'esigenza di interventi economici e di semplificazione specifici a supporto del settore, a partire dalle imprese del trasporto e della logistica, per investire tutto il sistema”. “Nodo fondamentale, inoltre, come già ricordato in questi giorni, è la soluzione dei problemi legati alle infrastrutture, nell’immediato, e alla realizzazione delle opere già previste per il miglioramento dei collegamenti, quindi della viabilità. Non dimentichiamo che se ripartono i trasporti, la logistica e la mobilità riparte il Paese", conclude il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio.

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca