Reddito di cittadinanza, Aires: "è urgente il decreto attuativo"

Con la card dovrebbero essere acquistabili alcune tipologie di elettrodomestici e beni elettronici di prima necessità. Rossi: "ogni ritardo nella definizione dei beni crea delusione negli aventi diritto, sconcerto nelle imprese e presta il fianco a fenomeni di abuso e malversazione delle risorse".

Secondo le norme attualmente in vigore, con la card PostePay legata al "reddito di cittadinanza" si possono acquistare prodotti alimentari e medicinali, oltre a pagare bollette per utenze e rate del mutuo o dell'affitto. Ad oggi non sono autorizzate spese per beni e servizi diversi da quelli sopra elencati. Con senso di responsabilità, Aires ha dunque diramato una circolare a tutte le imprese del settore dell'elettronica invitandole ad astenersi dall'accettare la card per acquisti di prodotti diversi da alimentari e medicinali. Il Ministero del Lavoro, di concerto con quello delle Finanze, dovrebbe comunque emanare a breve un decreto ministeriale che, coerentemente con lo spirito e con gli obiettivi della legge, dovrebbero includere tra i beni acquistabili alcune tipologie di elettrodomestici e beni elettronici di prima necessità. "Si faccia presto, comprendiamo le difficoltà e il fatto che il primo mese sia stato considerato di ‘rodaggio' del sistema ma, in vista della erogazione della seconda mensilità, ogni ritardo nella definizione dei beni crea delusione negli aventi diritto, sconcerto nelle imprese e presta il fianco a fenomeni di abuso e malversazione delle risorse. Confermiamo la disponibilità già espressa a collaborare attivamente per la messa in opera di tutti i possibili sistemi preventivi atti ed evitare scorciatoie e furberie", è l'appello del direttore generale di Aires, Davide Rossi.

14 maggio 2019