Anche a settembre l'Italia resta in deflazione - Asset Display Page

Anche a settembre l'Italia resta in deflazione

Le stime preliminari Istat indicano una diminuzione dello 0,6% su base mensile e dello 0,5% su base annua. 

DateFormat

30 settembre 2020

A settembre inflazione negativa per il quinto mese consecutivo. Secondo le stime preliminari Istat, l'indice nazionale dei prezzi al consumo è infatti diminuito dello 0,6% su base mensile e dello 0,5% su base annua (come nel mese precedente). 

Continua la flessione, anche se meno accentuata rispetto al mese precedente, dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (da -13,7% a -13,6%), di quelli non regolamentati (da -8,6% a -8,2%) e dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (da -2,3% a -1,6%) a fronte dell’inversione di tendenza dei prezzi dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +0,1% a -0,4%). Si conferma la crescita dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati (in accelerazione da +2% a +2,7%). 

La "inflazione di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi e quella al netto dei soli beni energetici rallentano entrambe, rispettivamente da +0,3% a +0,1% e da +0,4% a +0,3%.  La diminuzione congiunturale dell'indice generale dipende soprattutto dal calo dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-5,5%) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (-0,8%), solo in parte compensato dall'aumento dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati (+0,6%). 

CONFCOMMERCIO: "DATO PEGGIORE DELLE ATTESE"

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca