Ventesima edizione per le borse di studio Unrae - Asset Display Page

Ventesima edizione per le borse di studio Unrae

Per i neolaureati vincitori un premio di 1.200 euro, la possibilità di uno stage con una casa automobilistica associata e un master con Quattroruote.

DateFormat

26 maggio 2020

Nell’incertezza dell’attuale momento storico, con l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 che costringe a cambiare le abitudini di tutti, anche gli studenti sono chiamati a seguire nuove pratiche per la prosecuzione degli studi, e l’Unrae - l’Associazione delle Case automobilistiche estere - non rinuncia a lanciare un’iniziativa che quest’anno celebra il suo ventesimo anniversario.

 

“E’ proprio in un contesto così drammatico – commenta il direttore generale Andrea Cardinali - che l’Associazione intende continuare a sostenere gli studenti universitari più meritevoli. Il nostro Paese sta attraversando un periodo di grandi difficoltà, e l’auspicio è che si possa ripartire proprio dai giovani: sono loro che, grazie alle competenze acquisite nel corso dei propri studi, potranno iniettare con freschezza le idee originali di cui ci sarà bisogno per la ripresa, seguendo la via dell’innovazione. Siamo convinti che il loro contributo sarà cruciale per affrontare le sfide di un mercato, e di una società, molto diversi da quelli che abbiamo conosciuto fino ad oggi”.

 

L’Unrae premierà i vincitori con un assegno di 1.200 euro e promuoverà un percorso di specializzazione nel settore automotive tramite la possibilità di uno stage in una delle case automobilistiche associate, oltre alla novità introdotta recentemente di prendere parte al master in Marketing Automotive organizzato dall’Accademia Editoriale Domus (AED) con Quattroruote, che fornirà ai neolaureati una preparazione di altissimo profilo sul mondo dell’automobile. Ad essere premiate saranno le dieci migliori tesi sul marketing automobilistico, discusse tra il primo ottobre 2019 e il 31 luglio 2020, che avranno ottenuto un punteggio pari o superiore a 105/110 (o equivalente).

 

“Mi auguro di cuore che gli eventi ci consentano di premiare in presenza con la consueta celebrazione  anche i vincitori della scorsa edizione, e che si tratti solo di un breve rinvio. Voglio anche manifestare il nostro orgoglio nel ricordare – conclude Cardinali – che molti dei 165 neolaureati premiati dal 2000 ad oggi, si sono distinti per la propria professionalità e sono stati inseriti, grazie a questa opportunità, negli organici delle case associate all’Unrae, riuscendo nel tempo anche a ricoprire incarichi di responsabilità”.

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca