Contributi a fondo perduto per la ristorazione collettiva

Contributi a fondo perduto per la ristorazione collettiva

Tutte le istruzioni e le novità sul nuovo incentivo previsto dal Mise nel Decreto Sostegni bis e rivolto alle imprese della ristorazione di comunità.

DateFormat

4 maggio 2022

Il contributo a sostegno della ristorazione collettiva è stato introdotto dal Decreto Sostegni bis (Dl n.73/2021, art 43 bis) ed è rivolto alle imprese che svolgono servizi di ristorazione di comunità, come ad esempio le mense (codice Ateco 56.29.10) o catering continuativi su base contrattuale (codice Ateco 56.29.20), che hanno subito una riduzione del fatturato non inferiore al 15%. I fondi stanziati dal governo sono di 100 milioni di euro.

L'incentivo consiste in un contributo a fondo perduto di 10mila euro. Le eventuali risorse finanziarie rimanenti saranno ripartite tra tutte le imprese che hanno fatto domanda. Il modello dovrà essere trasmesso a partire dal 6 fino al 20 giugno 2020 sulla piattaforma dell’Agenzia delle Entrate.

Indice

Che cos'è

L'agevolazione per la ristorazione collettiva, previsto dall'articolo 43-bis del decreto legge n. 73 del 25 maggio scorso e convertito con alcune modifiche dalla legge n. 106 del 23 luglio 2021 (cd Decreto Sostegni bis), è stato introdotto dal governo per mitigare gli effetti della crisi economica dovuta alla pandemia, che ha colpito duramente le imprese della ristorazione collettiva. La misura fa parte del Quadro temporaneo degli aiuti Covid-19 ed è quindi subordinata all'autorizzazione della Commissione europea.

Le risorse saranno ripartite tra le imprese richiedenti con le seguenti modalità:

  • contributo a fondo perduto di 10mila euro per ciascun richiedente;
  • i fondi residuali saranno ripartiti tra le imprese che hanno fatto domanda, in base al rapporto tra il numero di dipendenti e la somma totale di tutti i lavoratori delle aziende che hanno richiesto il fondo.

Il contributo sarà erogato dall'Agenzia delle Entrate e si potrà presentare domanda a partire dal 6 fino al 20 giugno 2022, esclusivamente in modalità telematica.

chef che versa olio in un'insalata in una mensa aziendale

A chi è rivolto

L'incentivo può essere richiesto dalle imprese che operano nel settore della ristorazione collettiva che nel 2020 hanno subito perdite di fatturato non inferiori al 15% rispetto al periodo pre-pandemia. Per quanto riguarda le aziende nate invece nel 2019 (sempre con perdite non inferiori al 15%), partendo dalla data di iscrizione al Registro delle imprese, verrà preso in considerazione il fatturato registrato in quella finestra temporale e quello dello stesso periodo del 2020.

Per imprese della ristorazione collettiva si intendono quelle che svolgono servizi di ristorazione di comunitàdefiniti da un contratto con un committente, che può essere sia pubblico che privato. I codici Ateco di riferimento sono i seguenti:

  • Mense, 56.29.10;
  • Catering continuativo su base contrattuale, 56.29.20.

Le imprese dovranno anche presentare il totale dei ricavi nell'anno 2019 che per almeno il 50% derivino dai contratti di ristorazione collettiva già citati.

Per ulteriori aggiornamenti leggi la news Contributi a fondo perduto per codici Ateco

Come funziona

A partire dal 6 fino al 20 giugno 2022, sarà possibile presentare la domanda sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Potrà essere effettuata anche da un intermediario delegato alla consultazione del cassetto fiscale o tramite il servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche sul portale "Fatture e corrispettivi". In caso di domande con dati errati sarà possibile sostituire l'istanza con una nuova domanda entro il termine del 20 giugno prossimo.

L'istanza deve contenere:

  • l'indicazione che certifica il possesso dei requisiti richiesti e l'assenza di cause di esclusione o ostative;
  • il numero dei lavoratori dipendenti dal 31 dicembre 2019;
  • il numero del conto corrente dove verrà poi accreditato l'incentivo.

Scarica il modello

Le imprese che avranno eventualmente diritto ad un importo superiore a 150mila euro dovranno presentare la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà di regolarità antimafia via Pec all'indirizzo co.Cagliari@pce.agenziaentrate.it entro il 15 luglio prossimo.

La posizione di Angem Fipe

“Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate rende finalmente esecutivo il riconoscimento del Fondo a sostegno delle imprese della ristorazione collettiva - pari ad un contributo a fondo perduto di 100 milioni di euro – ha dichiarato Carlo Scarsciotti, presidente Angem-Fipe, l'Associazione nazionale della ristorazione collettiva e servizi aderente a Confcommercio – il settore della ristorazione collettiva è stato tra quelli che più colpiti durante il lockdown, ma grazie al dialogo costruttivo e costante avviato con Governo e Parlamento abbiamo fatto in modo che, con questo provvedimento, per la prima volta dall’inizio dell’emergenza venisse riconosciuto il valore della nostra funzione: un servizio sociale fondamentale per la collettività che, attraverso le mense, si occupa dell’alimentazione di bambini e ragazzi, pazienti delle strutture socio-sanitarie, lavoratrici e lavoratori”.

Angem ha già informato le proprie aziende associate sulle modalità di presentazione dell’istanza per l’accesso al contributo e sarà al loro fianco nelle prossime settimane per supportarle in ogni fase.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca