Argomenti: Articolo 

Incontro tra Zingaretti e il mondo delle imprese

Il segretario nazionale del Pd ha incontrato i rappresentanti di Confcommercio, Confindustria, Cna e Confesercenti al Nazareno. "C'è preoccupazione per il Def in discussione, ma anche per le previsioni di crescita per l'Italia fatte dal Fmi".

Il segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti, ha incontrato i rappresentanti di Confcommercio, Confindustria, Cna e Confesercenti al Nazareno. Un incontro definito positivo dalle parti sociali: Zingaretti ha sottolineato che "questo governo non sta andando nella giusta direzione, con questo governo l'Italia sta peggiorando. Meno crescita e una nuova e pericolosissima marginalita' in politica estera. L'italia conta molto meno o quasi nulla negli scenari internazionali", ha aggiunto Zingaretti, "serve nuova fiducia nel Paese e dall'estero nei confronti del Paese. E' sempre di piu' il governo delle incertezze e delle liti figlie di idee diverse, a volte radicalmente diverse, che sta portando il Paese all'immobilismo. Noi vogliamo cambiare questo governo perche' il mondo produttivo lo vivrebbe come una svolta. Vogliamo costruire l'unica vera possibile risposta per fermare la deriva politica del Paese. L'italia merita di piu' e noi vogliamo essere coloro che ricostruiscono una prospettiva possibile per il futuro del Paese", ha concluso. "Ci sono state delle proposte con punti di convergenza a partire da investimenti su innovazione, istruzione e infrastrutture, puntando tra le altre cose sull'emissione di eurobond per investimenti", ha spiegato Marcella Panucci di Confindustria. "Abbiamo evidenziato la necessita' di mettere al centro l'industria, in particolare nel confronto con i mercati esteri: occorre difendere le imprese europee dagli investimenti predatori, dal dumping oltre che nel favorire l'ingresso nei mercati esteri". A proposito degli investimenti in infrastrutture, Panucci ha sottolineato: "Noi abbiamo dato un orientamento chiaro su Tav e infrastrutture e chiunque condivida questo pensiero e' benvenuto". Per Patrizia De Luise di Confesercenti si e' trattato di  "un incontro positivo in cui c'e' stato anche un confronto su elezioni: si e' parlato a tutto tondo presentando le nostre proposte per fare ripartire i consumi. Nel nostro mondo c'e' un livello elevatissimo di disoccupazione. Loro hanno presentato il documento in lavorazione per una Unione europea politica e sociale, sostenibile economicamente e socialmente. Una Europa che non risponda solo con l'austerita'".

09 aprile 2019