BOCCA: "SERVE MINISTERO AD HOC, BENE LA LEGGE BIAGI" - Asset Display Page

BOCCA: "SERVE MINISTERO AD HOC, BENE LA LEGGE BIAGI"

D:7-3-2006 P.01 T:PER IL TURISMO UN 2005 "IN TENUTA"

DateFormat

7 marzo 2006
Bocca: "serve Ministero ad hoc, bene legge Biagi"

Bocca: "serve Ministero ad hoc, bene legge Biagi"

 

"Serve un Ministero per le Politiche turistiche". Con queste parole il presidente di Federalberghi-Confturismo, Bernabò Bocca, ha aperto i lavori della 56/a assemblea della  Federazione. La sua affermazione ha strappato un lungo applauso dalla platea di imprenditori presenti in sala.

"Per permettere alle Regioni di esercitare al meglio le proprie funzioni - ha spiegato Bocca, motivando così la richiesta di ricostituire il Ministero - è necessario pensare ad un momento di sintesi e coordinamento. Non possiamo proporci all'estero con 21 distinte politiche turistiche: questo significa votarsi all'insuccesso". Il presidente di Federalberghi, che ha lodato la figura dell'economista Marco Biagi ("riusciva con semplicità a parlare di una materia complessa come quella del mercato del lavoro; dobbiamo ringraziarlo per la legge che ha fatto, grazie ad essa è cresciuta l'occupazione nonostante la stagnazione. Non vogliamo e non possiamo tornare indietro su questo punto, vogliamo continuare sulla strada della flessibilità del lavoro!), ha illustrato cinque punti indispensabili, secondo gli operatori del settore turistico, alle forze politiche  presenti in sala.

Oltre alla richiesta di ricostituire il Ministero, Bocca ha chiesto un metodo di lavoro "fatto di confronto e attenzione alla categoria"; ha chiesto di elevare il potenziale competitivo  incentivando le infrastrutture e l'accesso a Internet; ha chiesto di portare il regime fiscale delle imprese turistiche italiane a livello di quello di Francia e Spagna. "Crediamo che la riduzione dell'Iva - ha concluso - debba essere un impegno per i primi 100 giorni di governo, avrà riflessi positivi per tutta l'economia".

Infine ha chiuso con una metafora sportiva: "l'Italia è una  Ferrari, ci siamo attardati un po' troppo ai box ma ora è il momento di tornare in pista. Il turismo è il carburante del  motore d'Italia per portare la Ferrari fino al gradino più alto del podio".

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca