Un inverno a tutto gas per il turismo montano - Asset Display Page

Un inverno a tutto gas per il turismo montano

Secondo un'indagine Federalberghi, oltre 5 milioni di italiani intendono trasorrere un week-end sulla neve nel prossimo inverno e 4,5 milioni prevedono di godersi una settimana bianca. Il giro d'affari è stimato in 4,6 miliardi di euro.

DateFormat

14 novembre 2003
Titolo
Un inverno a tutto gas per il turismo montano

 

Sono 5,3 milioni gli italiani che intendono effettuare almeno un week end sulla neve nel corso del prossimo inverno (nella stagione scorsa sono stati 3,2 milioni) e 4,5 milioni coloro che prevedono di godersi una settimana bianca in montagna (2,7 milioni nell’inverno scorso), per un giro d’affari che si attesta su 4,6 miliardi di euro ed una spesa media pro-capite di 470 euro, in ribasso rispetto all’inverno 2003. Il 95% (poco meno di dieci milioni di persone) resterà in Italia, confermando l’assoluta competitività delle nostre località montane rispetto a quelle straniere ed il 36% soggiornerà in albergo. Sono i dati principali che emergono dall’indagine realizzata da Federalberghi-Confturismo, con il supporto tecnico dell’Istituto Cirm, su un campione rappresentativo di oltre 47 milioni di persone. La ricerca è stata presentata nel corso della conferenza stampa che ha inaugurato a Milano la manifestazione “Host 2003”.

L’indagine segnala come le attuali condizioni meteorologiche stiano consentendo un’apertura anticipata della stagione sciistica, tanto che già a partire da questa fine settimana partiranno in modo massiccio i week-end sulla neve. La tendenza ai week-end “brevi” (1 notte fuori casa) permarrà fino alla fine di gennaio, quando cominceranno a contarsi le classiche settimane bianche ed i week-end “lunghi” (2 notti fuori casa), anche per l’allungarsi delle giornate e per il clima mite. A beneficiare della buona stagione saranno sia le Alpi che gli Appennini e, nel complesso, gli spostamenti per raggiungere le località sciistiche dovrebbero coinvolgere 9,8 milioni di italiani adulti, pari al 21% circa della popolazione di riferimento.

“E’ un buon segnale – ha commentato il presidente di Federalberghi-Confturismo, Bernabò Bocca - sulla possibilità di una ripresa a breve del mercato turistico interno e magari anche di quello internazionale in Italia”.

 

 

 

 

        

 

 

 

 

Banner grande colonna destra interna

ScriptAnalytics

Cerca