Turismo: per Natale bene le vendite, ma c'è prudenza in vista del 2011 - Asset Display Page

Turismo: per Natale bene le vendite, ma c'è prudenza in vista del 2011

Per il presidente di Federviaggio-Confturismo, Alberto Corti, le vendite per le Feste stanno andando bene ma gli operatori restano prudenti. "Temiamo soprattutto quel che accadrà dal 10 gennaio 2011 in poi".

DateFormat

29 novembre 2010

Le vendite di Natale e Capodanno stanno andando bene ma gli operatori turistici sono prudenti;
''temiamo soprattutto quel che accadrà dal 10 gennaio in poi" spiega Alberto Corti, presidente di Federviaggio-Confturismo. La situazione economico-politica, infatti, fa temere a molti operatori un 2011 non facile. ''Quando c'è una crisi di governo - spiega Corti - i consumatori restano alla
finestra, mentre riprendono a viaggiare subito dopo le elezioni, quando si registra un a sorta di effetto euforico''. Per le vacanze di Natale e Capodanno molte destinazioni sono già state vendute grazie agli sconti e alle offerte proposte dalle prenotazioni anticipate e gli operatori si augurano che
altro ancora verrà venduto 15-20 giorni prima della data di partenza o ancora più sotto la data di partenza grazie ai last minute. Le prenotazioni anticipate sono un toccasana per gli operatori del settore che così ottimizzano gli impegni di spesa e migliorano la marginalità.
Oltre alle tradizionali localita' di montagna, che stannoandando molto bene, positive sono le vendite per le destinazioni di lungo raggio (S. Domingo, Caraibi, Messico) e c'è stata, dopo un periodo di sonnolenza, una ripresa anche dell'Oceano indiano (Maldive innanzitutto, che hanno trascinato la ripresa anche di Mauritius e Seychelles). Sempre bene continuano ad andare le mete a corto raggio, dall'Egitto ad alcuni Paesi africani e le crociere, che non conoscono momenti di stallo.
Per Capodanno si sono vendute bene anche le capitali europee, non solo le città tradizionali come Parigi ma anche Lisbona e Istanbul. "Ovviamente per i vari prodotti esistono diverse fasce di
prezzo - spiega Corti - che corrispondono a servizi e prodotti diversi. Il segmento che soffre di più è quello medio, che viaggia ma fa molta attenzione ai costi. Chi sta bene non è toccato dalla crisi e continua a spendere anche per i viaggi, senza porsi limiti. Ovviamente per noi operatori chi fa i numeri è la fascia intermedia, la più numerosa della popolazione''.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca