Argomenti: Articolo 

Uggè a Delrio: "bene il rilancio della Consulta, si prosegua nel cammino per risolvere le questioni ancora aperte"

Chiudere alcune questioni aperte nella fase finale del suo dicastero, continuare a garantire anche nei suoi differenti ruoli futuri attenzione alle istanze del settore, asset essenziale per la competitività del Paese.  È l'impegno che il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Graziano Delrio, ha assunto il 21 marzo con i vertici di Conftrasporto-Confcommercio, la Confederazione più rappresentativa del mondo dei trasporti e della logistica.  All'incontro ha preso parte il presidente di Conftrasporto, Fabrizio Palenzona, assieme al vicepresidente Paolo Uggè e ai presidenti delle Federazioni aderenti. Tra questi, Stefano Messina di AssArmatori, Marika Venturi di Assocostieri, Barbara Galli, vicepresidente di Fai-Confcommercio (noleggio con conducente), Emanuela Bertoni di Unitai, Annavita Manigrasso di Assotir, e Daniela Dal Col di Anna.  Riferendosi al ‘manifesto' che la Confederazione ha presentato in occasione dell'ultima tornata elettorale, il ministro Delrio ha assicurato che continuerà a sostenere lo sviluppo del settore per il suo indubbio notevole ruolo nell'ambito del panorama economico nazionale e internazionale, riconoscendo in Conftrasporto una realtà che ha già in sé tutte le componenti dell'intermodalità e che si è sempre espressa, innanzitutto, nell'interesse generale del Paese. Nel corso dell'incontro, il vicepresidente di Conftrasporto e di Confcommercio, Paolo Uggè, ha espresso il proprio plauso al ministro per l'annunciato rilancio della Consulta dei trasporti, "che arriva in risposta a una richiesta che la Confederazione non ha mai smesso di sostenere", e ha posto l'accento su alcune criticità ancora esistenti nel settore, auspicando l'intervento risolutore degli attuali e futuri rappresentanti istituzionali.  

21 marzo 2018