Confcommercio su mancata accettazione POS: sanzioni non servono, per incentivare pagamenti elettronici ridurre costi e commissioni

Confcommercio su mancata accettazione POS: sanzioni non servono, per incentivare pagamenti elettronici ridurre costi e commissioni

DateFormat

28 giugno 2022
112/2022

Non si può pensare di incentivare i pagamenti elettronici attraverso il meccanismo delle sanzioni, quello che serve per raggiungere questo obiettivo è una riduzione delle commissioni e dei costi a carico di consumatori ed imprese, anche potenziando lo strumento del credito d’imposta sulle commissioni pagate dall’esercente, e introdurre la gratuità per i cosiddetti micropagamenti.

Già oggi nel nostro Paese il numero di transazioni con carte di debito, di credito e prepagate è elevato con una crescita, nell’ultimo quinquennio, del 120% e sono oltre 4 milioni i Pos installati e attivi presso le attività commerciali e di servizi.

È dunque evidente che il nostro sistema dei pagamenti è già in pieno sviluppo, ora va fatto di più per modernizzare ulteriormente questo processo rendendolo più efficiente e meno oneroso.

Agire per via sanzionatoria per la mancanza del Pos non è certo la strada da seguire, andrebbe invece prorogata tempestivamente la misura istituita dal decreto “Sostegni-bis”, in scadenza a fine giugno, che dispone l’incremento del credito d’imposta sulle commissioni pagate dagli esercenti che adottano sistemi evoluti di incasso: così Confcommercio in una nota sull’entrata in vigore, dal prossimo 30 giugno, delle sanzioni per la mancata accettazione dei pagamenti elettronici.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca