Prampolini su protocolli anti-Covid nei posti di lavoro: “bene proposta ministeri su semplificazione e snellimento, ma occorre chiarezza su responsabilità datori di lavoro soprattutto in merito all’uso delle mascherine”

Prampolini su protocolli anti-Covid nei posti di lavoro: “bene proposta ministeri su semplificazione e snellimento, ma occorre chiarezza su responsabilità datori di lavoro soprattutto in merito all’uso delle mascherine”

DateFormat

30 giugno 2022
115/2022

“Si sta svolgendo un importante e delicato confronto tra parti sociali, ministeri e istituzioni preposte sul nuovo Protocollo che deve tenere conto del mutato quadro del contesto generale e della normativa. In particolare, stiamo lavorando perché si condividano misure chiare e semplificate in cui siano certi gli ambiti di obbligo e di responsabilità dei datori di lavoro”: così Donatella Prampolini, Vicepresidente di Confcommercio con incarico al lavoro e welfare, in occasione dell’incontro per la revisione dei protocolli Covid tra Ministero del Lavoro, Ministero della Salute, Ministero dello Sviluppo economico, Inail e tutte le parti sociali.

“Per quanto riguarda l’uso delle mascherine – prosegue Prampolini - esse non possono essere considerate obbligatorie, come avviene praticamente in tutti i contesti di vita quotidiana, ma bisogna individuare, con la collaborazione del medico competente, i contesti e gli ambiti in cui le stesse si mostrino ancora come indispensabili, senza ambiguità interpretative. Anche i protocolli settoriali devono essere considerati decaduti e sostituiti da quello che si andrà a sottoscrivere tra oggi e domani. Sarà, poi, opportuno dare un termine certo di vigenza non troppo in là nel tempo, nel periodo autunnale, per consentire una verifica delle previsioni alla luce del quadro epidemiologico generale. Tra oggi e domani si completerà il confronto così da da poter fornire indicazioni certe alle imprese”.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca